RICERCA

Nuova arma contro l’Aids

1 Agosto Ago 2011 1412 01 agosto 2011

Sperimentato alla Columbia University il chip per un test veloce e affidabile che permette la diagnosi dell’infezione nelle aree più remote del pianeta

  • ...
  • ...

Sperimentato alla Columbia University il chip per un test veloce e affidabile che permette la diagnosi dell’infezione nelle aree più remote del pianeta

Un “chip”per eseguire il test dell’Hiv e della sifilide contemporaneamente e in maniera molto semplice potrebbe essere la nuova arma per la diagnosi dell’infezione soprattutto nelle aree più remote del pianeta, dove l’accesso agli esami ematici è molto difficile. Il chip ha le dimensioni di una carta di credito, costerà circa 1 dollaro ed è in grado di diagnosticare le infezioni in pochi minuti, secondo uno studio pubblicato sulla rivista “Nature Medicine”: le prove eseguite con alcuni prototipi in Rwanda hanno mostrato una precisione di quasi il 100%.

«L’idea è di creare una nuova grande classe di test diagnostici accessibili ai pazienti in qualsiasi luogo in tutto il mondo, piuttosto che costringerli ad andare in una clinica per prelevare il sangue e poi aspettare giorni per i risultati», ha detto Samuel Sia della Columbia University di New York, nel team che ha sviluppato il dispositivo. Le centinaia di prove condotte utilizzando il prototipo sono state effettuate a Kigali e hanno mostrato il 95% di precisione per l'Hiv e il 76% di precisione per la sifilide. In via di progettazione anche una versione del dispositivo per il cancro alla prostata.