Caso Eternit

Il WWF: Storica sentenza, che non cancella il disastro

13 Febbraio Feb 2012 1537 13 febbraio 2012

  • ...
  • ...

“L’amara vittoria riportata oggi con questa storica sentenza di colpevolezza non può cancellare le migliaia di vittime che l’amianto ha fatto in Italia e nel mondo. La sentenza conferma la gravità del disastro ambientale e sanitario che ha comportato un danno inenarrabile, non solo vicino allo stabilimento ma in un’area molto vasta che interessa 48 comuni attorno a Casale Monferrato, e agli altri tre stabilimenti italiani, il tutto aggravato dal fatto che il numero dei morti non è calcolabile visto che continuerà a salire anche a distanza di anni.” Commenta Patrizia Fantilli responsabile ufficio legale-legislativo WWF Italia.

Il WWF ricorda inoltre che l’ambiento è stato messo al bando in Italia solo dal 1992 e solo dal 1998 sono state individuate le prime aree da bonificare, oltre 20 anni dopo la sua massima diffusione sia negli insediamenti industriali che civili. Questo lascia una pesantissima eredità tanto che il picco di forme tumorali dovute all’amianto, la letteratura scientifica, lo prevede in Italia tra il 2015 e il 2020 .

La speranza del WWF è quindi che questa sentenza acceleri il processo di bonifica di tutto il materiale ancora non smaltito. La sentenza non era affatto scontata visto che la Magistratura torinese si è dovuta scontrare con un gigante a multinazionale come Eternit ma è riuscita ad accertare le responsabilità nel più grande processo, in tema di sicurezza del lavoro e di inquinamento ambientale provocato da amianto mai celebrato in Europa. Questo dimostra come i pool specializzati, come quello del PM Guariniello, sono importanti per raggiungere l’accertamento della verità e una giusta sentenza.

Il WWF è stato parte civile nel processo iniziato nel dicembre 2009 e ha seguito le udienze ogni lunedì per due anni, in particolare con l’avvocato Valentina Stefutti che l’associazione ringrazia per il lunghissimo e tenace lavoro.

“La sentenza è storica anche perché riconosce il disastro ambientale e potrà essere usata anche in altri casi” ha dichiarato Stefutti.