scuola

Ecco i nuovi corsi di specializzazione sul sostegno

3 Aprile Apr 2012 1322 03 aprile 2012

In GU il decreto che dà l'avvio ai nuovi percorsi formativi

  • ...
  • ...

In GU il decreto che dà l'avvio ai nuovi percorsi formativi

Arrivano i nuovi corsi per formare gli insegnanti di sostegno. È stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale di ieri, 2 aprile 2011, il decreto del 30 settembre 2011 che dà i criteri per l’avvio dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per attività di sostegno.

I nuovi corsi sono previsti dal decreto n. 249 del 10 settembre 2010, che ridisegnava complessivamente la formazione iniziale dei docenti, prevedendo per la prima volta che tutti gli insegnanti avessero almeno un’infarinatura di formazione specifica sulla didattica speciale.

In attesa di specifiche classi di concorso e relative lauree magistrali, gli insegnanti di sostegno dovranno essere abilitati attraverso i nuovi corsi istituiti dal decreto, che partiranno nelle Università in base alla programmazione regionale degli organici del personale e del fabbisogno specifico di personale specializzato per il sostegno didattico degli alunni con disabilità.

I corsi sono riservati a docenti già in possesso dell’abilitazione all’insegnamento per il grado di scuola per il quale intendono specializzarsi ulteriormente sul sostegno, dureranno almeno otto mesi, con il conseguimento di 60 crediti formativi e prevedono 300 ore di tirocinio (12 crediti), di cui 150 in aula. I tutor saranno altri docenti specializzati, con almeno 7 anni di insegnamento di cui 5 sul sostegno.

Non è stata accolta nel decreto la richiesta che attraverso VITA aveva fatto, un anno e mezzo fa, un esperto di didattica speciale come Dario Ianes: «Una specializzazione non per ordine di scuola, come fa lo schema, ma specializzandosi sui singoli bisogni degli alunni, come autismo, dsa, comunicazione. Questo sì sarebbe un percorso articolato: una piattaforma comune e poi una specializzazione vera». I laboratori, come si vede dagli allegati del decreto, restano articolati sui diversi ordini di scuola.