Rom

Le "3R" contro la discriminazione

19 Febbraio Feb 2013 1758 19 febbraio 2013

Una campagna per abbattere pregiudizi e discriminazioni nei confronti dei giovani rom promossa dalla Fondazione Romanì Italia. Spot e manifesti, ma anche incontri promossi dalla Casa della Carità di Milano

  • ...
  • ...

Una campagna per abbattere pregiudizi e discriminazioni nei confronti dei giovani rom promossa dalla Fondazione Romanì Italia. Spot e manifesti, ma anche incontri promossi dalla Casa della Carità di Milano

Ha aderito anche la Casa della Carità di Milano alla Campagna “Tre Erre” della Fondazione Romanì contro il pregiudizio e per l’inclusione sociale dei giovani rom. Una campagna basata sui concetti di “Rispetto per te stesso”, “Rispetto per gli altri” e “Responsabilità per le tue azioni”: le tre R appunto che vogliono andare contro il pregiudizio e allo stesso tempo dare ai minori rom che vivono in Italia la possibilità di fare scoperte e conquiste.
Don Virginio Colmegna, presidente della Casa della Carità spiega l’adesione al progetto sottolineando che questo «accompagna il lavoro concreto che da anni come fondazione portiamo avanti nel mezzo delle periferie e nei campi della nostra città. È un tassello che si aggiunge al nostro impegno sociale e culturale e che, ogni giorno, mira a costruire condizioni di giustizia sempre più ampie e diffuse»

Tre le azioni ideate per questa azione di sistema “3R”che fino all’autunno di quest’anno prevede, innanzitutto una campagna di comunicazione sociale (anche attraverso degli spot) per dare una risposta anche cognitiva alla rappresentazione sociale negativa che si abbatte su bambini e giovani rom; le cosiddette adozioni di vicinanza ovvero processi di integrazione culturale; e infine i “fuochi attivi” ovvero piccoli punti di illuminazione: borse lavoro attivate dalla fondazione Romanì Italia.

Anci e Unar hanno deciso di patrocinare la campagna che si sviluppa anche attraverso la realizzazione di spot videro e manifesti pubblicitari dedicati ad alcuni temi a cominciare dal pregiudizio. Oltre alla Fondazione Casa della Carità hanno aderito alla campagna il Centro italiano formazione e aggiornamento in psicologia e pedagogia, Nova onlus e Focus Casa dei Diritti Sociali.
In particolare, Casa della Carità, si è impegnata a organizzare incontri sul territorio, in luoghi significativi della città di Milano.