Agenzia delle Entrate

Modello Eas, invio entro il 2 aprile

13 Marzo Mar 2013 1924 13 marzo 2013

Gli enti non profit soggetti all'obbligo di invio del Modello Eas per non perdere le agevolazioni fiscali devono comunicare le variazioni intervenute entro il 31 marzo di ogni anno. Quest'anno causa festività pasquali la scadenza slitta di due giorni

  • ...
Immagine 338
  • ...

Gli enti non profit soggetti all'obbligo di invio del Modello Eas per non perdere le agevolazioni fiscali devono comunicare le variazioni intervenute entro il 31 marzo di ogni anno. Quest'anno causa festività pasquali la scadenza slitta di due giorni

Per gli enti non profit soggetti all’obbligo di invio del Modello Eas la data di scadenza per ripresentarlo nel caso vi siano state delle variazioni rispetto ai dati già comunicati, quest’anno slitta dal 31 marzo al 2 aprile a causa delle festività pasquali.
Le associazioni che non presentassero il modello Eas rischiano di perdere le agevolazioni fiscali ma anche di essere considerati enti commerciali. I dati comunicati nel modello, infatti, servono all’amministrazione finanziaria per raccogliere tutta una serie di informazioni utili anche a pianificare i controlli fiscali..

Ricordiamo che sono tenuti a presentare il modello Eas gli enti nuova costituzione (entro 60 giorni dalla costituzione), quelli che devono comunicare variazioni rispetto al modello precedente (entro il 31 marzo dell’anno successivo alle modifiche). Inoltre, in caso di perdita dei requisiti stabiliti dalla normativa tributaria la comunicazione va fatta entro 60 giorni dalla perdita.

Online al sito dell’Agenzia delle Entrate (www.agenziaentrate.gov.it) è possibile trovare una scheda informativa, nonché il modello e le istruzioni per la compilazione e l’invio del modello. Un capitolo è dedicato anche alla normativa relativa alle comunicazioni dovute dagli enti associativi