Milano

La Borsa con Ipo solidale si apre al fundraising

19 Aprile Apr 2013 1251 19 aprile 2013

La quotazione solidale lanciata oggi da Fondazione Cariplo, Borsa Italiana e London Stock Exchange Group Foundation una selezione di progetti che permetterà un gesto simbolico e significativo il momento in cui le aziende si rivolgono al mercato per chiedere risorse ai nuovi sottoscrittori.

  • ...
Img1024 700 Dettaglio2 Borsa Milano
  • ...

La quotazione solidale lanciata oggi da Fondazione Cariplo, Borsa Italiana e London Stock Exchange Group Foundation una selezione di progetti che permetterà un gesto simbolico e significativo il momento in cui le aziende si rivolgono al mercato per chiedere risorse ai nuovi sottoscrittori.

Fondazione Cariplo, Borsa Italiana e London Stock Exchange Group Foundation lanciano l’IPO solidale, una nuova forma di sostegno a progetti sociali e culturali attenti all’occupazione giovanile per imprese orientato al servizio di persone fragili e di inziative culturali, promossi da enti non profit. Una novità assoluta nel panorama europeo. Ciascuna società che d’ora in avanti si quoterà in Borsa potrà decidere di supportare uno dei progetti selezionati dalle due Fondazioni.

Una moderna forma di filantropia unisce in perfetta sintesi due mondi, connotando con un gesto simbolico e significativo il momento in cui le aziende si rivolgono al mercato per chiedere risorse ai nuovi sottoscrittori.

«È il risultato di una collaborazione nata qualche mese fa», sottolinea Giuseppe Guzzetti, presidente di Fondazione Cariplo, «un percorso che ci ha visto lavorare insieme per unire due mondi apparentemente lontanissimi, quello del profit e quello del non profit. Consapevoli del fatto che la filantropia moderna debba far leva su collaborazioni per riuscire a fare massa critica con risorse economiche e strategie comuni, sintesi del dialogo con operatori di diversa natura che condividono gli stessi obiettivi. L’obiettivo è sperimentare modelli nuovi ed efficaci, in grado di rispondere alla crescente necessità di risorse da destinare ad iniziative ad alto valore sociale e culturale con particolare attenzione verso le giovani generazioni e le categorie più fragili. LA coesione sociale non è un obiettivo ma una condizione necessaria e sufficiente per tutto il resto. Si rincorre invano lo sviluppo economico senza questa condizione di partenza. Credo che tutti gli attori che operano nelle comunità abbiano il dovere di impegnarsi in questa direzione in un'epoca di risorse scarse».

Si tratta di una sperimentale collaborazione per il sostegno congiunto di progetti ad alto valore sociale e culturale, con particolare attenzione verso le giovani generazioni e le categorie più fragili, promossi da realtà non profit anche piccole ma con potenziali di crescita, un po’ come per le aziende nel momento della quotazione. Non si tratta solo di un programma di Matching Fund tra diverse realtà filantropiche; il programma può essere considerato il primo passo volto a creare relazioni durature tra storie di successo.

Il meccanismo di Matching Fund contenuto nell’accordo prevede il seguente iter: i progetti sono proposti da Fondazione Cariplo che da anni valuta circa 2.000 progetti l'anno, e poi selezionati congiuntamente da entrambe le Fondazioni, che delibereranno un primo contributo di pari ammontare; saranno poi proposti da Borsa Italiana alle IPO, che potranno decidere se aderire al programma scegliendo il progetto da sostenere. In caso di “Matching” tra ente non profit e IPO, Fondazione Cariplo donerà alla non profit un ulteriore contributo di pari ammontare.

Raffaele Jerusalmi, amministratore delegato Borsa Italiana sottolinea come «il triangolo virtuoso è generato dagli attori al centro dell’accordo. Fondazione Cariplo ha come mission la filantropia, la solidarietà sociale e la promozione dello sviluppo economico; Borsa Italiana Spa si occupa dell’organizzazione, della gestione e del funzionamento dei mercati finanziari e in quest’ambito segue il processo di ammissione alla quotazione delle società ; LSEG Foundation persegue scopi di solidarietà sociale, in particolare a sostegno dello sviluppo delle potenzialità di giovani in difficoltà».

In questa prima fase si punta a sostenere 5-6 progetti con un budget iniziale complessivo di 800 mila euro; di questi, 400 mila euro sono stati stanziati da Fondazione Cariplo, il restante 50% sarà sostenuto da LSEG Foundation e dalle IPO che aderiranno al programma.

Sono tre i progetti attualmente nel “catalogo” e sono nei settori Moda, Abbigliamento e Cultura, per i quali le due Fondazioni hanno deliberato un sostegno per la fase di avvio; per la fase di sviluppo, potrebbe essere decisivo il matching con una IPO.

Progetto Cangiari to change
Sostegno all’avvio del percorso di internazionalizzazione di Cangiari in Europa. Cangiari è il primo marchio italiano di moda etica di fascia alta, promosso nel 2009 dal Gruppo Cooperativo GOEL attraverso la propria cooperativa sociale Made in Goel. Tutta la filiera di Cangiari, dai tessuti a mano fino alla comunicazione, è composta da imprese sociali. La promozione avviene attraverso uno showroom realizzato a Milano in un bene confiscato alla mafia. Cangiari, attraverso il recupero delle tradizioni tessili della Calabria, mira a promuovere l’inserimento lavorativo di persone svantaggiate e il riscatto sociale ed economico di un territorio conosciuto per i gravi problemi di cui è vittima. In questa prima fase, Fondazione Cariplo e LSEG Foundation hanno deliberato ciascuno 30.000 euro per sostenere Cangiari nell’ingresso in un paese europeo.

Progetto ”Dona Valore”
Il progetto si inserisce all’interno del percorso di sviluppo della cooperativa sociale Vesti Solidale, tra le realtà lombarde leader nella raccolta e riutilizzo di abiti usati, impegnata nel reinserimento lavorativo di persone fragili. Vesti Solidale onlus intende lanciare un nuovo sperimentale canale di vendita di vestiti usati di alta qualità, una catena di “boutique dell’usato” a partire da Milano. In questa prima fase, Fondazione Cariplo e LSEG Foundation hanno deliberato ciascuno 20.000 euro a favore del progetto.

Progetto HUB2HUB
Presentato dall’associazione The HUB Milano e finalizzato a identificare idee culturali di successo da replicare in altri paesi europei. The HUB selezionerà imprese che hanno sperimentato e avviato importanti azioni culturali in alcune città europee e, attraverso un percorso di accompagnamento, faciliterà la trasmissione di competenze a team di giovani di altre città europee che ne replicheranno e diffonderanno l’attività. In questa prima fase il progetto punta allo scambio tra Londra e Milano; Fondazione Cariplo e LSEG Foundation hanno deliberato ciascuno 30.000 euro a favore dell’iniziativa.