L'appello

Chi aiuta Helene?

6 Settembre Set 2013 1859 06 settembre 2013

La toccante lettera aperta di Cristiana Guccinelli di Cesvot che racconta la sua estate in cerca di un aiuto che non arriva per l’amica clochard. Volontariato e servizi sociali cercasi

  • ...
847 Src
  • ...

La toccante lettera aperta di Cristiana Guccinelli di Cesvot che racconta la sua estate in cerca di un aiuto che non arriva per l’amica clochard. Volontariato e servizi sociali cercasi

Cari colleghi e cari lettori,

questa volta non scrivo per lavoro ma per condividere con voi un problema e cercare, con voi tutti, una strada, se non una speranza.

1° agosto, caldo e silenzio nella mia città, Pisa. Incontro una signora senza dimora, con evidenti problemi di alcol, sola, senza nessuno e senza niente. Comincio a trascorrere del tempo con lei. Poi le propongo una doccia. La mia famiglia è in vacanza, posso permettermi di essere coraggiosa ed incosciente. E così Helene rinasce: casa, affetto, pasti, compagnia. Del resto sono in vacanza e posso osare tanto. Inizio a cercare un luogo per lei, per curarla e per alloggiarla. Decine e decine di telefonate di cui conservo meticoloso elenco. Sono da 15 anni la responsabile dell’ufficio stampa del Centro Servizi Volontariato Toscana. Conosco tanti luoghi, persone, esperienze, mi dico, troverò una soluzione per Helene.

No, non la trovo come la vorrei. Il tempo mi dirà che non la troverò neanche come non la vorrei. Nel suo peregrinare annebbiato Helene non ha documenti, è rumena, ha 45 anni, è alcolista, è senza fissa dimora. Come dicono in tanti, purtroppo e ancora, Helene è una barbona.

Allora il miglior risultato che riesco a raggiungere è l’asilo notturno del progetto homeless. Bè, già tanto, anche perché sono ancora in ferie e posso permettermi di farle compagnia durante il giorno: un po’ di spesa, un pò di cucina, la mia e la sua, e poi, quando vuole, racconti e ricordi di una vita tanto dolorosa da sembrare incredibile.

Ma l’asilo scade, l’assistente sociale non chiede al Sert competente di prenderla in carico “tanto per gli stranieri non ci sono posti e poi non ha i documenti ….. anzi anche all’asilo il tempo scadrà presto e non potrà tornare”.

Suona la campanella del mio rientro al lavoro, in un'altra città per giunta, ed insieme si apre ancora una volta, per Helene, il baratro della solitudine e dell’alcol. Eppure un pertugio in lei si era aperto. Ma nessuno ha voluto allungare una mano. “Noi solo uomini alcolisti”; “Noi solo donne maltrattate”; “Noi ci siamo ma solo se un Sert, un Pronto soccorso o la Polizia ci incarica di farci carico”.

Io non ci capisco più niente. Solo nella mia regione ci sono 3250 associazioni di volontariato e i servizi sociali fra i migliori di Italia. Ma siamo sicuri che sia così? Helene è di nuovo e ancora in strada. Helene non vuole più stare in strada. Helene riconosce il suo alcolismo e vuole essere curata.

Helene ha gli occhi color del mare e può essere dolcissima. Circondata da affetto e fiducia sono sicura che potrebbe ricostruire il filo del suo passato e, forse, tessere ancora un po' di futuro.

Chi mi aiuta? Prego astenersi a tutti coloro che vogliono parlarmi dei tagli al sociale. Li conosco.

Cristiana Guccinelli Responsabile Ufficio stampa Cesvot