Gambling

#Slotmob: il flashmob contro l’azzardo

12 Settembre Set 2013 1641 12 settembre 2013

Alessandra Piraino sul suo blog “2+2=10” lancia la prima tappa, che si terrà a Biella, della nuova inziativa del Movimento No Slot

  • ...
  • ...

Alessandra Piraino sul suo blog “2+2=10” lancia la prima tappa, che si terrà a Biella, della nuova inziativa del Movimento No Slot

#Slotmob– l’evento nazionale per la sensibilizzazione contro le slot Machine ti aspetta a Biella.

Già da tempo è attivo il movimento #NoSlot, sempre più persone pronte per sensibilizzare l’opinione pubblica. Nonostante ciò, i locali slot pullano nelle città.

Che fare? Non molliamo e andiamo avanti!

Ed ecco questa nuova iniziativa: il flashmob contro l’azzardo. La prima tappa a Biella. Di cosa si tratta? Scopriamolo con Daniele Albanese, referente Caritas sul territorio biellese per l’iniziativa e l’organizzazione dell’evento.

Daniele: chi sei, dove lavori, quale è il tuo ruolo nel sociale il tuo ruolo nel sociale?

Sono Daniele Albanese, 30 anni, papà di due bambini, sono un Economista dello Sviluppo, collaboro con la Caritas di Biella per la quale svolgo il ruolo di referente del settore Mondialità occupandomi di Immigrazione/Asilo, Educazione e Nuovi Stili di Vita, Progetti Internazionali, Economia sostenibile, in particolare con i giovani. Sono anche coordinatore del GIT (Gruppi di iniziativa territoriale) dei soci di Banca Etica di Biella e Vercelli.

Perché quest’evento nella vostra città? Avete avanzato voi la proposta?

L’evento nazionale #Slotmob inizierà nella nostra città, a Biella a causa del dilagare del problema che colpisce sempre più le persone deboli che “storicamente” si rivolgono alla Caritas e dall’altro dalla bella testimonianza della Sig.ra Giuliana del bar Freedom che, come persona semplicissima, ma con dei valori, ha deciso di fare il gesto importante di togliere le slot “rovina famiglia” dal suo bar. Freedom è un piccolo bar, un “normale” bar di quartiere, vicino ad una scuola, un bar vissuto da gente comune.

Ci piace molto l’idea di quel bar…potrebbe essere imitato anche da altri!

Ci siamo fatti avanti noi! Ci interessava l’idea del FlashMob già organizzato da Economia e Felicità a Roma e volevamo far qualcosa del genere anche nella nostra città… proponendolo, perché no, anche alle organizzazioni sindacali che possano usare la leva del consumo critico per favorire il lavoro dignitoso.

Penso davvero che cittadini/consumatori consapevoli possano orientare in positivo la direzione del mercato. Se si pensa che nel biellese nel 2012 sono stati “persi” circa 50 milioni di euro per il gioco d’azzardo a fronte di giocate per oltre 240 milioni si capisce benissimo come sia una somma rilevantissima sottratta all’economia reale.

Una vera e propria truffa statale legalizzata a danno dei più deboli. Quel che vogliamo fare non è però stigmatizzare il fenomeno ma offrire alle persone un’alternativa positiva: il gioco sano e relazioni sociali più forti possono ad esempio essere un efficace antidoto.

Continua a leggere l'articolo sul blog “2+2=10”