MANIFESTAZIONE

Domenica 21 settembre, Firenze: "I governi cambino politiche estere"

18 Settembre Set 2014 2032 18 settembre 2014

Nella capitale toscana si ritrovano movimenti per la pace e il disarmo di tutta italia per una mobilitazione che vuole rilanciare la gestione nonviolenta dei conflitti. Presenti molte persone che operano nell'umanitario in contesti di guerra

  • ...
Pistola
  • ...

Nella capitale toscana si ritrovano movimenti per la pace e il disarmo di tutta italia per una mobilitazione che vuole rilanciare la gestione nonviolenta dei conflitti. Presenti molte persone che operano nell'umanitario in contesti di guerra

Gaza, Palestina e Israele, Ucraina, Siria, Iraq, Libia, Afghanistan, Congo. La lista delle aree di guerra in questi anni, e soprattutto in questi mesi, si è allungata, e ora organizzazioni e movimenti italiani per la Pace ed il Disarmo hannoconvocato per domenica 21 settembre a Firenze, in piazzale Michelangelo, un evento nazionale per chiedere e compiere insieme un passo di Pace. Il motivo? "La risposta dei Governi e delle istituzioni internazionali non può continuare ad essere l'intervento militare: si è di fronte al fallimento di tutti i tentativi di soluzione dei conflitti attraverso il ricorso alle armi".

A promuovere l'appello e il presidio Facciamo insieme un passo di pace sono Rete della Pace, Rete Italiana Disarmo, Campagna Sbilanciamoci e Tavolo Interventi Civili di Pace. L'appuntamento di Firenze si pone in continuità con l'Arena di Pace e Disarmo tenutasi a Verona lo scorso 25 aprile. Nel corso della giornata, con un programma che si snoderà dalle 11 alle 16, si susseguiranno testimonianze provenienti dai teatri di guerra e le voci di chi si oppone in Europa e nel mondo alle politiche di guerra.

Il presidio-evento rappresenterà un momento di raccolta e rilancio di richieste nei confronti della politica e delle istituzioni, a partire da campagne che segnano un cambio di passo nelle proposte per la soluzione politica dei conflitti, per la Pace, per i diritti, per la giustizia, per il disarmo e la difesa civile non armata e nonviolenta.

"Per quanto difficile e ambizioso, un passo di Pace è urgente e necessario", indicano i promotori. "Fermare le guerre e le stragi significa dare finalmente il primato del governo globale del pianeta e delle relazioni tra Stati alla politica multilaterale, ad un sistema delle Nazioni Unite da riformare e da potenziare; significa cambiare il modello di sviluppo, non più orientato al consumo del pianeta per il benessere di pochi ma alla sostenibilità futura ed al benessere di tutti; significa applicazione e rispetto da parte di tutti gli Stati degli accordi, delle convenzioni internazionali e dei diritti umani con meccanismi sanzionatori e con un sistema di polizia e di giustizia internazionale operativo; significa riconoscere il diritto d'asilo e dare accoglienza ai profughi di guerra; significa investire nella ricerca, nell'educazione, nell'ambiente, nell'economia e nel lavoro, nella giustizia sociale, nella democrazia, nella cultura, nel dialogo, nella difesa civile, nella cooperazione, in funzione della pacifica e plurale convivenza e del governo democratico globale, convertendo qui le enormi risorse spese per armamenti e guerre decennali.

Il Comitato Promotore invita ad aderire all'appello partecipando alla manifestazione di Firenze ed organizzando mobilitazioni in altre città europee e centri martoriati dai conflitti. "Costruiamo insieme una nuova storia di Pace, di libertà, di diritti, di democrazia e di giustizia: diamo vita a un'alleanza civica in Europa e nel Mediterraneo contro le guerre e per il disarmo".