Legge di Stabilità

ConVol: «Preoccupati per i tagli alle erogazioni delle Fondazioni al volontariato»

5 Novembre Nov 2014 1551 05 novembre 2014

La presidente Emma Cavallaro ha spiegato che questa scelta «di fatto significa impedire al volontariato di svolgere la propria azione a favore di chi ha bisogno»

  • ...
Schermata 2014 11 05 Alle 14
  • ...

La presidente Emma Cavallaro ha spiegato che questa scelta «di fatto significa impedire al volontariato di svolgere la propria azione a favore di chi ha bisogno»

La ConVol, Conferenza Nazionale delle Associazioni, Federazioni e Reti di Volontariato, la principale organizzazione nazionale che associa le più importanti e diffuse associazioni, federazioni e reti nazionali di volontariato esprime preoccupazione per i tagli - oltretutto a valore retroattivo secondo quanto contenuto nella Legge di Stabilità – che andrebbero a colpire le erogazioni delle Fondazioni di origine bancaria al volontariato, in virtù dell’ampliamento dal 5 al 77,74% della base imponibile sulla tassazione dei dividendi.

«Riteniamo», afferma la presidente della Convol Emma Cavallaro, «che sia una misura totalmente ingiusta che non tiene conto dell’impegno sociale e della storia delle Fondazioni di origine bancaria nel nostro Paese, che per antica scelta e vocazione sostengono l’arte, la cultura e il volontariato, un impegno poi codificato dalla legge 266/91. Obbligare le Fondazioni a tagliare in maniera estremamente consistente le erogazioni di fatto significa impedire al volontariato di svolgere la propria azione a favore di chi ha bisogno, quasi disconoscendo la grave situazione in cui versano tante famiglie e tanta parte del Paese. Auspichiamo che il Governo possa rivedere la norma riportandola ad una situazione di equità e giustizia».