Expo 2015

Cascina Triulza, il programma culturale

20 Novembre Nov 2014 1653 20 novembre 2014

Oggi all'Expo-Gate di Milano presentata l'anteprima del programma culturale del Padiglione della Società civile di Expo Milano che conta già 254 eventi in palinsesto e 60 organizzazioni. Al via la terza Call internazionale di idee

  • ...
98237934
  • ...

Oggi all'Expo-Gate di Milano presentata l'anteprima del programma culturale del Padiglione della Società civile di Expo Milano che conta già 254 eventi in palinsesto e 60 organizzazioni. Al via la terza Call internazionale di idee

Mentre viene lanciata la terza Call internazionale di Idee per dare la possibilità ad altre realtà della società civile di proporre iniziative che vadano ad arricchire il programma culturale di Cascina Triulza, il Padiglione della Società Civile di Expo Milano 2015 presenta l’anteprima del suo programma culturale. La presentazione del Palinsesto di Cascina Triulza è avvenuta oggi pomeriggio negli spazi di Expo-Gate a Milano.

A oggi sono già 60 le organizzazioni che hanno sottoscritto l’accordo con il Padiglione per presentare i loro progetti e ben 254 gli eventi inseriti nel palinsensto (un terzo delle iniziative che Cascina Triulza intende ospitare nei sei mesi di Expo). Ben 56 gli incontri nell’auditorium, 145 tra workshop e laboratori e 53 spettacoli ed animazioni all’aperto. Cascina Triulza, uno dei padiglioni più ampi di Expo Milano 2015 (quella di Milano è la prima esposizione universale con un padiglione dedicato alle organizzazioni nazionali e internazionali della società civile), mette a disposizione delle organizzazioni partecipanti 720 metri quadri dedicati ad area espositiva, circa 1300 metri quadri per eventi esterni nella corte della Cascina e 700 metri quadri nell’area del Mercato, oltre a un auditorium e due sale workshop.

«Il programma culturale di Cascina Triulza si sviluppa intorno a sette assi tematici che abbiamo individuato per declinare il tema generale del Padiglione della Società Civile, "Energies to change the world"», afferma Sergio Silvotti, presidente di Fondazione Triulza «Intorno a questi ruotano le iniziative di Cascina Triulza, in un palinsesto costruito dal basso, raccogliendo e valorizzando le idee e le proposte della società civile e del Terzo settore. Fin dall’inizio abbiamo scelto di seguire un percorso partecipato e inclusivo, con l’obiettivo di dare spazio e voce a realtà grandi e piccole, ad una pluralità di temi e racconti e ad esperienze concrete».

E proprio per dare spazio a questo obiettivo è stata lanciata oggi la terza Call internazionale di Idee. Assi tematici del palinsesto del Padiglione della società civile sono: Produzione e stili di vita per uno sviluppo di qualità; Dar voce a chi non ha voce; La responsabilità sociale dell’arte; Giovani creativi e proattivi; Cittadini custodi dei beni comuni; Vivere e convivere nelle comunità locali e globali; Profit, no profit, istituzioni: nuove alleanze per il futuro.

Sette i progetti, uno per ciascun asse tematico, da parte di altrettante organizzazioni che già hanno confermato la loro presenza a Cascina Triulza sono stati illustrati nel corso dell’incontro odierno. «I progetti presentati oggi sono una dimostrazione concreta di come le organizzazioni della società civile sappiano progettare, realizzare e gestire iniziative qualitativamente rilevanti e sostenibili e rappresentare una straordinaria forza di cambiamento, attraverso la partecipazione e la collaborazione», ha commentato Paolo Petracca, vicepresidente Fondazione Triulza, illustrando il programma culturale.

Queste le organizzazioni e i progetti:
Altroconsumo con il progetto Sapore del Sapere: laboratori didattici di educazione e sicurezza alimentare e sulle filiere del riso e del caffè, che guidino a un consumo alimentare più consapevole;
la Fondazione We World Onlus con Exponi le tue idee!: una competizione educativa nazionale rivolta a studenti delle scuole superiori italiane, insegnanti, genitori e volontari sui temi al centro di Expo Milano 2015 “Nutrire il pianeta. Energia per la vita”;
Arte In Fiera con Heart, Earth, Art: installazione artistico artigianale interattiva in legno, ferro, tessuto, vetro e ceramica, per raccontare le esperienze di un territorio attraverso i sensi;
Avis Lombardia con Avis per Expo. Nutriamo la vita!: tutti i visitatori di Cascina Triulza potranno fare un test per conoscere il proprio stile alimentare e ricevere consigli mirati da Nutrition Foundation of Italy, insieme alla quale Avis ha realizzato uno studio sulle abitudini alimentari;
Legambiente per con La sfida dei cambiamenti climatici: un convegno internazionale per riflettere e discutere sulle politiche, le strategie e le azioni per contrastare il cambiamento climatico, con lo sguardo alla XXI edizione della COP, Conference of Parties on climate change, di Parigi; ma anche una mostra e un gioco virtuale per accrescere nei visitatori la consapevolezza sul tema;
Arcs - Arci Cultura e Sviluppo, con Networking Energies, sinergie innovative in azione: partendo dal racconto degli interventi di Arcs a Cuba e in Camerun, il pubblico di Cascina Triulza sarà coinvolto in dimostrazioni pratiche sulle principali tecnologie eco-sostenibili e sui prodotti innovativi utilizzati per garantire accesso al cibo sano e all’acqua in questi paesi;
Consorzio Cgm con La settimana dell’impresa sociale: workshop, presentazioni e spettacoli per stimolare la partecipazione attiva dei cittadini nella risposta ai problemi sociali, sottolineando la relazione tra cooperazione sociale, bene comune e crescita socio-economica sostenibile.

Ha parlato di un programma che si arricchisce di giorno in giorno, Silvia Bolchi, responsabile del programma culturale di Cascina Triulza concludendo la presentazione: «Il 60% delle organizzazioni che hanno risposto alle nostre prime due Call internazionali stanno definendo la loro presenza a Cascina Triulza e nuovi progetti arriveranno con la terza Call lanciata oggi. Al contributo fondamentale della società civile si affianca il supporto di istituzioni pubbliche ed enti filantropici, di alcune reti internazionali e della rete di Fondazione Triulza, sostenuta da 62 organizzazioni. Un ruolo molto importante nel programma e nell’attività del Padiglione sarà infine quello delle organizzazioni che saranno presenti nell’area Mercato, dedicata a tutte le produzioni italiane e internazionali responsabili e sostenibili».