Affari Tuoi
Azzardo

La versione online di “Affari Tuoi” denunciata all'Antitrust

12 Febbraio Feb 2015 1733 12 febbraio 2015
  • ...

L’Unione nazionale consumatori ha messo nel mirino il programma televisivo perché il suo sbarco sul web è avvenuto su una nota piattaforma dedicata al gioco d'azzardo. «La presenza del gioco sulle reti nazionali Rai diventa per l’operatore di lotterie on-line una promozione da sfruttare per incrementare il numero dei giocatori e, conseguentemente, il fatturato», sottolineano da Unc

L’Unione nazionale consumatori ha denunciato all’Autorità Antitrust, all’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni e al Garante per l’Infanzia, il programma televisivo “Affari tuoi”.

Infatti il popolare gioco dei pacchi è sbarcato on-line su una nota piattaforma di gioco d'azzardo.

Lo ha reso noto annunciado la denuncia, la stessa associazione a tutela dei consumatori spiegando come «la presenza del gioco delle reti nazionali Rai diventa per l’operatore di lotterie on-line una promozione da sfruttare per incrementare il numero dei giocatori e, conseguentemente, il fatturato». Non è la prima volta che l’UNC denuncia il forte appeal del programma: «nel novembre del 2012, avevamo scritto alla Presidente della Rai Anna Maria Tarantola, evidenziando l’idoneità del programma a promuovere scorretti stili di vita nei telespettatori, ma la Presidente negò qualsiasi addebito, precisando tra l’altro che: “…sentite le strutture editoriali competenti, vorrei segnalarle che Affari tuoi è un programma con concorso a premi, dunque non gioco d’azzardo, rivolto a un pubblico familiare e pensato per un intrattenimento leggero e spensierato in chiave scherzosa ed ironica…»

L’Associazione con questa denuncia torna però sul legame tra la trasmissione e il gioco on-line. «Sul sito si legge: “l’obiettivo di 888 – il concessionario che offre il gioco dei pacchi online - è quello di fondere due mondi: quello del gioco online e quello dell’intrattenimento, con il fine di trovare un posizionamento unico sul mercato e di offrire ai propri clienti un’esperienza di gioco entusiasmante ed innovativa”. La stessa Rai sottolinea che il gioco mira esplicitamente a coinvolgere i telespettatori più giovani», sottolineano da UNC, «per questo motivo abbiamo ritenuto opportuno presentare la denuncia anche al Garante dell’Infanzia con un messaggio molto pericoloso: per poter realizzare il sogno di una vita migliore bisogna ricorrere ad una lotteria». La nota dell’associazione si conclude poi ricordando come «il frequente utilizzo di spot spesso arricchiti dalla presenza di personaggi noti dello spettacolo, sia in grado di ingenerare nei telespettatori l’erronea convinzione che si tratti di scommesse attraverso le quali è facile ottenere vincite milionarie in grado di cambiare la vita».