Orti Solidali
Cosenza

Parte il progetto “Orti Solidali” di Unicredit Foundation

18 Febbraio Feb 2015 1522 18 febbraio 2015
  • ...

Prevede l’assegnazione di 100 orti ad altrettante persone over 65, al fine di offrire opportunità di mantenimento, anche attraverso il lavoro, di funzioni vitali e di svago, di socialità condivisa e di benessere psicofisico

Nel corso di una cerimonia ufficiale a cui hanno preso parte, tra gli altri, Giovanni Greco, Sindaco di Castrolibero, Benito Rocca, Presidente di ANTEAS Cosenza, Dino Filippelli, Coltivatore diretto, e Anna Cravero, Programme Officer di UniCredit Foundation, è stato presentato il progetto “Orti Solidali”, ideato e gestito da ANTEAS Cosenza nelle aree di Castrolibero, Rende e Cosenza, finanziato da UniCredit Foundation nell’ambito del Bando UniCredit Carta E, con un contributo di oltre 69.000 Euro.

100 pensionati, in condizioni di autosufficienza fisica, residenti nel territorio comunale e nelle zone limitrofe, che vivono in condizioni socio-economiche precarie, avranno a disposizione gratuitamente degli spazi adatti alla coltivazione di ortaggi vari. Per questo sono previsti incontri formativi volti all'acquisizione di competenze nelle pratiche agricole biologiche, nel rispetto degli equilibri dell'ecosistema agricolo locale. I prodotti eccedenti l’autoconsumo saranno inoltre venduti al settimanale mercato dei GAS (Gruppi d'acquisto solidale).

Un progetto messo a punto da ANTEAS (Associazione Nazionale Tutte le Età Attive per la Solidarietà) che a livello nazionale sviluppa iniziative e progetti in diversi ambiti che vanno dall’assistenza all’invecchiamento attivo, dai rapporti intergenerazionali alla cultura e tempo libero. «Scopo prioritario del progetto – ha detto Benito Rocca, Presidente ANTEAS Cosenza -, è quello di contrastare la solitudine e l'isolamento sociale negli anziani, promuovendo attività all'aria aperta, momenti relazionali e incontri intergenerazionali a partire dalla coltivazione degli ‘Orti Solidali’. A ciò si aggiunge l'organizzazione di microeventi dedicati alla stagionalità dell'orto e all'incontro intergenerazionale con scuole e gruppi di associazioni; gite sociali presso fattorie didattiche biologiche con escursioni giornaliere sull'Altipiano della Sila, per sperimentare tecniche sull'agricoltura di montagna».

«UniCredit Foundation, - ha dichiarato il presidente Maurizio Carrara –, ha tra le sue priorità la realizzazione di progetti che sostengano le famiglie, in particolare le componenti più fragili della popolazione anziana. Questo nella convinzione che, stante l’invecchiamento della popolazione e l’aumento esponenziale di patologie croniche, possano rappresentare un contributo alla coesione sociale delle comunità in cui si interviene. Una delle condizioni che concorre alla decisione di sostenere economicamente un determinato progetto è la sua riproducibilità, anche da parte di altri organismi pubblici e privati. Una condizione che abbiamo positivamente riscontrato nel progetto ‘Orti Solidali’ di Castrolibero».