Novità

"La divina droga" è il libro di Fondazione de Carneri

2 Marzo Mar 2015 1258 02 marzo 2015

Il volume inaugura la nuova collana Fronteretro, pubblicata dalla casa editrice La vita felice, che curerà pubblicazioni sul tema delle malattie che hanno avuto ricadute sociali.

  • ...
Malaria
  • ...

Il volume inaugura la nuova collana Fronteretro, pubblicata dalla casa editrice La vita felice, che curerà pubblicazioni sul tema delle malattie che hanno avuto ricadute sociali.

Il volume, 112 pagine, "La divina droga-Chinino e lotta alla malaria in Italia all’alba del Novecento" scritto da Giustino Fortunato e Francesco Saverio Nitti, fa parte della collana fronteretro, promossa dalla Fondazione Ivo de Carneri, che ha come filo conduttore le grandi malattie che nei secoli hanno colpito le popolazioni in varie parti del mondo, influenzandone la vita sociale, politica ed economica.

Per questo sono state oggetto dell’attenzione e dell’analisi non solo di medici e biologi, ma anche di politici, storici, giornalisti e uomini di cultura. Come protagonisti degli eventi raccontati e testimoni diretti, costoro si sono fatti interpreti del disagio sociale e spesso hanno elaborato e proposto soluzioni affinché la malattia diventasse stimolo di progresso e riscatto.

Inaugurano la collana una malattia – la malaria – che ha un significato molto importante sia per la Fondazione Ivo de Carneri sia per la storia dell’Italia e due autori – Giustino Fortunato e Francesco Saverio Nitti – che sono stati tra i più efficaci testimoni del peso di questa malattia nell’Italia a cavallo tra Ottocento e Novecento e dell’importanza delle misure che furono prese per combatterla e debellarla.

La lezione fondamentale che si trae dai loro scritti è che per sconfiggere la malattia è necessaria un’operazione “multilaterale” in cui alle niziative di carattere prettamente medico-sanitario si affianchino azioni politiche, economiche, istituzionali e di divulgazione culturale.

Per essere efficacemente combattuta la malattia dev’essere presente, in tutti i suoi aspetti, nella coscienza dei popoli che ne sono colpiti.

Il titolo del volume è un riferimento al chinino, chiamato “divina droga” del medico britannico Laurence Augustine Waddel citato da Giustino Fortunato nel suo saggio Malaria e chinino.

Il volume verrà presentato mercoledì 18 marzo alle ore 18 presso la Sala del Grechetto (Biblioteca Sormani), Milano.

CHI E' La Fondazione Ivo de Carneri Onlus, nata nel 1994, ha come missione la lotta alle malattie parassitarie nel contesto socio-economico dei Paesi in via di sviluppo e l’incremento degli studi di parassitologia in una prospettiva nazionale e internazionale. Tra i suoi obiettivi c’è quello di suscitare una maggiore presa di coscienza dell’impatto sociale delle malattie e dei problemi delle popolazioni che ne sono colpite.