Isee Calcolo
Polemiche

Speziale (Anffas): il Governo sbaglia a ricorrere contro la sentenza Tar sul nuovo Isee

13 Aprile Apr 2015 1640 13 aprile 2015
  • ...

Il presidente nazionale di Anffas onlus giudica in modo negativo la decisione del Governo «il nostro auspicio era che si adeguasse». Un precedente pericoloso il voler considerare le indennità reddito. Sull'Isee interviene anche il presidente di Anmil

Nonostante i diversi auspici, provenienti dal mondo della disabilità il Governo ha deciso di ricorrere al Consiglio di Stato contro le sentenze del Tar che avevano bocciato il nuovo Isee nelle parti in cui considerava reddito anche le prevvidenze assistenziali, come pure le indennità di accompagnamento.

«Ovviamente per noi è una decisione che giudichiamo in modo negativo» ammette Roberto Speziale, presidente nazionale di Anffas onlus. «Il nostro auspicio era che il Governo si adeguasse alle sentenze invece di fare ricorso. Ma dobbiamo ancora una volta registrare una posizione molto difensiva da parte dell’esecutivo». Per il presidente Speziale il fatto di aver considerato le indennità di accompagnamento reddito è un «precedente pericoloso e soprattutto sbagliato. Le indennità non possono essere considerate reddito, rispondono a un principio risarcitorio».

La decisione di ricorrere da parte del governo per Speziale, inoltre, rende inapplicabile il nuovo Isee «È una situazione kafkiana», insiste. «Chi ha prodotto un nuovo Isee - e ne sono stati prodotti alcune migliaia - si ritrova in mano un documento non corretto e illegittimo. Adesso non è più possibile fare un nuovo Isee, perché la sentenza Tar richiedeva degli aggiustamenti, ora è arrivato il ricorso. Noi speravamo che il governo si adeguasse». Secondo Speziale una delle conseguenze immediate è che «si apre un periodo carico di incertezze che discende da un primo errore: aver voluto considerare le indennità reddito. E questo ricorso è un andare contro le persone con disabilità».

A prendere posizione è anche il presidente nazionale di Anmil, Franco Bettoni che in una nota sottolinea come «In assenza di risposte certe dal Governo, il Comitato Esecutivo dell’Anmil ha deciso di attivarsi e trovare casi da patrocinare fino alla Corte Costituzionale poiché è inammissibile che le vittime del lavoro debbano inserire nel computo dei redditi la rendita percepita dall’Inail, sia essa di natura vitalizia che liquidata in capitale per le invalidità con esiti al di sotto del 15%, penalizzando ingiustamente tali famiglie».

Bettoni precisa inoltre che proseguirà «la sottoscrizione della nostra petizione popolare per la quale abbiamo già raccolto quasi 50.000 firme nella certezza che questa è una battaglia di diritti e ledere sempre le fasce sociali più deboli non fa onore né alla politica né al nostro Paese».

Contenuti correlati