Burnout

Mamme con figli disabili, fatevi aiutare

14 Aprile Apr 2015 1007 14 aprile 2015

Secondo una ricerca, le madri che assistono figli con gravi difficoltà perdono più rapidamente memoria e capacità cognitive rispetto ad altre mamme, mentre i padri sembrano essere immuni da questi rischi. Ma una soluzione c'è: sentire la vicinanza di amici e parenti annulla lo stress e protegge dall'invecchiamento precoce

  • ...
Caregiver
  • ...

Secondo una ricerca, le madri che assistono figli con gravi difficoltà perdono più rapidamente memoria e capacità cognitive rispetto ad altre mamme, mentre i padri sembrano essere immuni da questi rischi. Ma una soluzione c'è: sentire la vicinanza di amici e parenti annulla lo stress e protegge dall'invecchiamento precoce

Lo stress legato alla cura di un figlio con disabilità pesa, e fa invecchiare prima. Lo ha stabilito un nuovo studio della University of Wisconsin-Madison secondo il quale le madri di persone con "bisogni speciali" sperimentano un maggiore declino di memoria e capacità cognitive con il passare degli anni rispetto alle mamme di figli normodotati. Un effetto collaterale che però, secondo gli scienziati, non colpisce i padri.
«Queste donne affrontano più frequentemente di altre situazioni altamente stressanti a causa della disabilità dei loro figli», ha dichiarato il ricercatore Jieun Song. "Come è noto e provato, lo stress cronico porta declino della memoria, soprattutto tra le donne più anziane».
I ricercatori hanno esaminato e messo a confronto 128 genitori di persone con disabilità ad esordio infantile e 512 genitori di bambini normodotati, sottoponendoli a interviste, questionari e una batteria di test cognitivi. Ebbene, i danni più gravi alla memoria si sono registrati nelle mamme che hanno segnalato le maggiori difficoltà nella gestione dei figli disabili, anche se le madri che potevano contare sul sostegno di amici e parenti sono risultate più protette dal declino cognitivo. Inoltre le mamme di figli disabili - quelli dello studio erano affetti da autismo, paralisi cerebrale, sindrome di Down e altre forme di disabilità intellettiva - hanno il doppio delle probabilità di sperimentare episodi di depressione e di presentare livelli "significativamente inferiori" di salute fisica.
Ma come mai tutti questi effetti negativi non si ripercuotono allo stesso modo sui padri? Semplice: i papà tendono a passare meno tempo con i figli, e non sono ugualmente coinvolti nella cura della casa. Inoltre dalla ricerca emerge come in generale gli uomini siano meno vulnerabili, rispetto alle donne, agli effetti dello stress sulla cognizione.

Contenuti correlati