No slot

Unipol dice no all’azzardo

4 Giugno Giu 2015 1438 04 giugno 2015

Il gruppo lancia il progetto “Per gioco non per azzardo” che ha l’obiettivo di promuovere la prevenzione dei rischi legati al gambling. «Occorre intervenire con approcci che siano capaci di agire concretamente su questa situazione o si rischia lo stallo» ha sottolineato il presidente Pierluigi Stefanini

  • ...
Getty Images 140753846
  • ...

Il gruppo lancia il progetto “Per gioco non per azzardo” che ha l’obiettivo di promuovere la prevenzione dei rischi legati al gambling. «Occorre intervenire con approcci che siano capaci di agire concretamente su questa situazione o si rischia lo stallo» ha sottolineato il presidente Pierluigi Stefanini

Dinanzi a una situazione complessa e articolata occorre intervenire con “approcci che siano capaci di agire concretamente su questa situazione o si rischia lo stallo”. Si è aperto con queste parole il convegno “Calcolare il rischio non è mai un azzardo”, che si è tenuto questa mattina al Centro San Fedele di Milano, protagonista il Gruppo Unipol.

Parole che pesano, perché a pronunciarle è Pierluigi Stefanini, presidente di Unipol, il principale gruppo assicurativo nel settore danni che si appresta alla definizione del piano industriale che lo impegnerà nei prossimi tre anni. Siamo “condannati a una scelta strategica fondamentale: produrre innovazione e coerenza”, ha ribadito Stefanini, “e in questa innovazione e coerenza, ribadire il ruolo sociale di un’assicurazione in un contesto di stress economico e di diffusa fragilità sociale”. Una fragilità sociale che, oggi, è posta più che mai sotto assedio da un fenomeno che, negli anni ’80, il sociologo americano Robert Putnam definiva “gambling alone”, l’azzardo in solitudine legato alla diffusione indiscriminata, deregolata o regolata male del gambling.

Pierluigi Stefanini, presidente di Unipol

Anche per questo il Gruppo Unipol ha presentato il “Progetto per gioco non per azzardo” che ha l’obiettivo di promuovere, in coerenza con i valori di solidarietà, lungimiranza e responsabilità e attingendo all’esperienza maturata nella gestione di eventi aleatori, la prevenzione dei rischi legati alla pratica del gioco d’azzardo, con particolare attenzione ai soggetti vulnerabili a sviluppare una condizione patologica in seguito alla presenza di fattori individuali e socio-ambientali.

L’appuntamento, che è stato moderato da Riccardo Bonacina, direttore di Vita, partner dell’iniziativa, ha visto la partecipazione di Ada De Cesaris, vicesindaco Comune di Milano, Mauro Croce, psicologo presso ASL VCO e docente alla SUPSI di Lugano, Simone Feder, presidente della federazione COM.E, Maurizio Fiasco, sociologo, esperto della Consulta Nazionale Antiusura e Stefano Boni, responsabile regionale di Confesercenti dei Pubblici esercizi.

CAPITALE SOCIALE A RISCHIO
Per Putnam – richiamato in apertura del convegno - ciò che il gambling diffuso mette a rischio è la relazionalità del capitale sociale, ossia il radicamento di una microeconomia fondata sulla fiducia, sul civismo e sulla tenuta delle reti civiche. In questo senso, Marisa Parmigiani, responsabile corporate responsability di Unipol, ha illustrato il piano di azione che Unipol intende "mettere in campo”. In questo senso, ha osservato la Parmigiani, il tema dell’azzardo diffuso e del machine gambling è da tempo un rischio monitorato dal settore assicurativo. Lo è a tal punto da essere indicato da tutti i report come “rischio che toccherà il settore nei prossimi 5 anni”. Come ha agito o reagito Unipol a questo rischio? Prima di tutto, ha osservato la Parmigiani, “abbiamo monitorato il nostro patrimonio e i nostri investimenti. Ci siamo guardati dentro per capire e fare la nostra parte, senza dire per questo che altri debbano fare lo stesso”.

NO CREDITI AD AZIENDE DEL GIOCO
E che cosa hanno capito, quelli di Unipol? Ha capito, ci dice Marisa Parmigiani che in termini di partecipazione “non abbiamo riscontrato alcun tipo di elemento che andasse in direzione del settore del gioco. Anzi: abbiamo identificato un investimento sul mercato di Londra, che abbiamo dismesso. Poi, ci resta in pancia un investimento infinitesimale – 0,007% - in un private equity che siamo costretti a portare a scadenza, ma nient’altro”. Per credit policy, ha proseguito la Parmigiani, “abbiamo poi deciso di non concedere crediti a aziende collegabili al settore del gioco d’azzardo”. Sul piano delle assicurazioni, i nuovi prodotti assicurativi sono stati tarati sul fenomeno, con diverse classi di rischio.

TUTTI SI ASSUMANO PROPRIA RESPONSABILITA'
Mentre l’esame delle società diversificate di UnipolSai mostra, infine, come non risultano locali affittati negli immobili di proprietà del gruppo dedicati ad attività prevalentemente di gioco o che siano dati in locazione a società collegate al settore gambling. Infine, con riferimento ai dipendenti, le attività di comunicazione risultano orientate a fornire indicazioni trasparenti per il contrasto ai fenomeni delle dipendenze, dei comportamenti devianti o problematici. Detto del core business di Unipol, anche sugli investimenti futuri il Gruppo si è impegnato – grazie a un lungo lavoro di studio, condotto in collaborazione con l’economista Marcello Esposito del Movimento No Slot - a non investire in settori, aziende o fondi legati al settore del gioco. Perché? Per mera postura etica? “Certamente”, ha ribadito la responsabile di Unipol, ma anche perché, pur a fronte “di un settore che sul piano macroeconomico muove grandi fatturati, crea certamente occupazione e lavoro, noi però non possiamo non riflettere – perché è il nostro mestiere – sui mutamenti microeconomici”. Illuminare il micro, oltre che il macro, assumendosi – ognuno, senza deleghe, fiscali o non – le proprie responsabilità è, forse, un piccolo passo, ma è il passo necessario per uscire da un’impasse che rischia di far danni a tutti.

PER IL FUTURO
Il Gruppo Unipol ha, inoltre, previsto la possibilità, nel corso del 2015, di avviare una serie di iniziative strategiche volte a introdurre nel Codice Etico un elemento esplicito di tutela di soggetti vulnerabili di fronte al rischio dipendenze, attuare un percorso di formazione rivolta al personale delle strutture di Audit, realizzare una campagna di prevenzione indirizzata alla popolazione, testare forme di Convenzione con soggetti pubblici per premiare gli esercizi commerciali del territorio aderenti a campagne di contrasto al gioco d’azzardo. Insomma, che la prima azienda di assicurazione e un importante Gruppo bancario con 15 mila dipendenti dopo un lavoro di analisi e approfondimento durato un anno, si assuma una responsabilità precisa e atti conseguenti sul tema del Gambling e delle sue diseconomie, è una vera notizia. Una buona notizia