Canianziani 1
Sanità

In casa di riposo portando il proprio cane

26 Giugno Giu 2015 1935 26 giugno 2015
  • ...

Un’idea semplice, che giova alla salute delle persone anziane. Alle porte di Milano una residenza apre le porte anche agli amici a quattro zampe

Andare in casa di riposo portandosi il cane o il gatto compagno di vita. È l’idea lanciata da una grande catena di residenze per anziani che a Binasco, il gruppo Korian, che alle porte di Milano ha aperto una struttura anche agli amici a quattro zampe. La struttura è infatti dotata di un’area Dog Camp, dove gli ospiti possono accudire gli animali, aiutati anche da personale specializzato. Il Dog Camp, oltre ad ospitare i cani degli Ospiti della casa di riposo, accoglierà attività di varia natur: Pet Therapy, che integra e rafforza le tradizionali terapie e può essere impiegata su pazienti affetti da differenti patologie con obiettivi di miglioramento comportamentale, fisico, cognitivo, psicosociale e psicologico-emotivo.

Molti anziani spesso si rifiutano di entrare in una casa di cura per non dover lasciare il loro gatto e in questo momento purtroppo l’Italia non brilla per eccellenza nel venire incontro a queste esigenze dell’anziano. Gli animali collaborano anche per aiutare quelle persone che hanno difficoltà di movimento, perché anche chi crede di non riuscire a fare più un certo movimento, avendo un animale vicino, si sente invogliato a muoversi per andargli vicino e accarezzarlo.

Come ha spiegato il presidente di Federanziani senior Italia, Roberto Messina, «gli animali al fianco degli anziani facilitano la prevenzione di alcune delle principali patologie croniche quali diabete, patologie cardiovascolari e depressione, possibile grazie alla diffusione degli animali domestici. L'attività fisica legata al possesso di un animale contribuisce alla prevenzione e al contrasto delle patologie metaboliche. La presenza di un animale da compagnia contribuisce alla riduzione dell'ipertensione oltre a rappresentare, soprattutto per gli anziani soli, un efficace mezzo di contrasto della solitudine e della depressione che spesso si associa ad essa».