Milano

Bilancio positivo delle Prove Aperte a vantaggio delle onlus

9 Luglio Lug 2015 1709 09 luglio 2015

Saranno finanziati i progetti di quattro associazioni milanesi che si occupano di assistenza alla disabilità. Tutto esaurito nella sesta edizione che ha registrato quasi 10mila presenze da gennaio a maggio

  • ...
Prove Aperte Fond Unicredit
  • ...

Saranno finanziati i progetti di quattro associazioni milanesi che si occupano di assistenza alla disabilità. Tutto esaurito nella sesta edizione che ha registrato quasi 10mila presenze da gennaio a maggio

Oltre 126mila euro a favore di quattro onlus milanesi che si occupano di assistenza alla disabilità. Questo il bilancio della sesta edizione delle “Prove Aperte” della Filarmonica della Scala. Da gennaio a maggio si è registrata la presenza di circa 10mila spettatori. Nella mattina di giovedì 9 luglio, con una breve cerimonia nell’Aula Magna di UniCredit Ernesto Schiavi, direttore artistico della Filarmonica della Scala, Maurizio Carrara, presidente di UniCredit Foundation, e Carla Mainoldi, Head of Group Giving, Events & Art Management di UniCredit, hanno simbolicamente consegnato un assegno ai rappresentanti delle quattro organizzazioni beneficiarie, Uildm Unione Italiana Lotta alla Distrofia Muscolare - Sezione Milano, Handicap...su la testa!, Associazione iSemprevivi+onlus, Progetto Itaca, concludendo così ufficialmente il ciclo Prove Aperte 2015 (nella foto in apertura).

L’edizione 2015 del ciclo di prove aperte “La Filarmonica della Scala incontra la città” ha registrato il tutto esaurito per ognuna delle cinque serate in programma, compresa quella inaugurale gratuita, con un totale di 9.656 spettatori. L’incasso medio netto delle serate è stato di 31.300 euro, con un leggero incremento rispetto al 2014 in cui si era già registrato il tutto esaurito.

Grazie alla generosità di solisti, direttori e professori d’Orchestra, alla partecipazione della città e all’intervento di UniCredit Foundation, che copre i costi di produzione permettendo di devolvere interamente l’incasso, in sei anni di Prove Aperte è stato possibile raccogliere oltre 700mila euro da devolvere al non profit ambrosiano.

I fondi ricevuti dalle quattro onlus serviranno a finanziare dei progetti specifici e in particolare, per Uildm Milano si tratta di “Compagni di Banco”, il servizio di sostegno scolastico pomeridiano per 15 studenti con problematiche motorie gravi che non hanno possibilità di svolgere i compiti a casa. I fondi ricevuti consentiranno, invece, a Handicap…su la testa di affrontare le spesi di un intero anno del centro ricreativo dell’associazione in cui decine di disabili e volontari si incontrano ogni giorno. Destinati al “Progetto Casa” i fondi raccolti a favore dell’associazione iSemprevivi+onlus per offrire alle persone che soffrono di disagio psichico di vivere in autonomia, in un contesto abitativo e sociale dignitoso, Progetto Itaca, invece finanzierà Job Station, il Centro di telelavoro assistito che offre a persone con invalidità psichica l’opportunità di essere inserite nel mondo del lavoro

Contenuti correlati