Refugees Sean Gallup
Società

Francia: una piattaforma a servizio dei migranti

16 Settembre Set 2015 1554 16 settembre 2015
  • ...

Si chiama Aiderlesrefugies.fr e mappa le associazioni che aiutano i migranti sul territorio francese, individua i volontari disponibili, permette di offrire un alloggio ai rifugiati. E altro ancora.

Sconvolti dalla tragedia che ha visto morire il piccolo Aylan, il bambino siriano affogato assieme ad altri 12 profughi sulle coste della Turchia i primi di settembre , Julien Bayou et Anne-Cécile Mailfert, importanti esponenti del mondo associativo francese, hanno creato in sole 24 ore Aiderlesrefugies.fr, una piattaforma online che consente ai francesi di mobilitarsi concretamente per aiutare in prima persona i rifugiati.

Aiderlesrefugies.fr segnala le associazioni che aiutano i rifugiati sul territorio francese ("Agite vicino a casa vostra", si legge a grandi lettere nel sito) e propone a chi lo desidera di ospitare dei rifugiati. Ma non solo.
Dà la possibilità di aiutare in profughi 4 diversi modi:

- Facendo un dono (la piattaforma indica una lista di associazioni francesi che aiutano i rifugiati su tutto il territorio francese);

- Diventando volontari di associazioni locali che aiutano i rifugiati

- Dando alloggio a un rifugiato.In questo caso chi vuole ospitare un rifugiato verrà reindirizzato all'associazione SINGA.

- Interpellando i politici attraverso petizioni, azioni di sensibilizzazione, manifestazioni... “affinché la Francia diventi veramente una terra di accoglienza per coloro che ne hanno bisogno”..

«Vogliamo facilitare il passaggio all'azione. Conosco bene il mondo associativo, abbiamo potuto identificare facilmente le associazioni alle quali donare», spiega Julien Bayou in un articolo uscito recentemente su Youphil.

Julien Bayou è consigliere regionale dell’Île-de-France e portavoce di Europe Écologie Les Verts (EELV) , un partito politico ecologista francese e Anne- Cécile Mailfert è presidente dell’associazione Osez le féminisme (OLF).

Aiderlesrefugies.fr, che è online il 4 settembre, subito dopo la tragedia del piccolo Aylan, in sole 48 ore ha totalizzato più di 150,000 connessioni e al momento del lancio della piattaforma si sono attivate più di 1800 persone. E le offerte di collaborazione continuano a crescere.

«Ora possiamo mettere in relazione i volontari che vogliono agire e le iniziative a favore dei migranti . L'idea è di dare una continuità a questo slancio di generosità», continua Julien Bayou.

Sulla piattaforma una cartina interattiva mappa le iniziative di associazioni francesi che aiutano i rifugiati (evidenziate in verde), i volontari disposti ad accogliere i migranti in tutta la Francia (in rosso), e le proposte di alloggio (in arancione).

Aidonslerefugies.fr si inserisce nella scia delle molte iniziative di solidarietà da parte della società civile che stanno sorgendo in Europa di fronte all'emergenza dei rifugiati e «mostra ai politici che la Francia è pronta ad accogliere queste persone».

Il messaggio del progetto è anche di forte critica nei confronti dell'inattività dei poteri pubblici e in particolare nei confronti della recente decisione di Francois Hollande di accogliere solo 24,000 nuovi migranti sul territorio francese nei prossimi anni, di fronte alla Germania che ha annunciato da poco che Berlino potrà accogliere 500 mila migranti all'anno per alcuni anni.

La foto di apertura è di Sean Gallup/Getty Images

Contenuti correlati