No Slot

Emilia Romagna: perché quel patrocinio per l'azzardo?

17 Settembre Set 2015 1749 17 settembre 2015

Dopo il caso della Festa dell'Unità di Ravenna, tocca alla Regione Emilia Romagna, che pure si è dotata di una normativa antiazzardo, anche se piuttosto blanda. La Regione ha concesso il proprio patrocinio a un festival che promuove anche tavoli da black jack legati a una casa da gioco di S. Marino, i Giochi del Titano. Dopo il caso della Festa dell'Unità di Ravenna un'altra caduta di stile o la miopia istituzionale rischia di rivelarsi congenita?

  • ...
Azzardo
  • ...

Dopo il caso della Festa dell'Unità di Ravenna, tocca alla Regione Emilia Romagna, che pure si è dotata di una normativa antiazzardo, anche se piuttosto blanda. La Regione ha concesso il proprio patrocinio a un festival che promuove anche tavoli da black jack legati a una casa da gioco di S. Marino, i Giochi del Titano. Dopo il caso della Festa dell'Unità di Ravenna un'altra caduta di stile o la miopia istituzionale rischia di rivelarsi congenita?

Se ne sono accorti i cittadini e Andrea Bertani, consigliere regionale del M5S ha subito rilanciato: perché al Balloons Festival di Ferrara, che di mongolfiere dovrebbe occuparsi, fa capolino un tavolo da black jack?
Ascoltiamo Bertani:

Andrea Bertani

La Regione Emilia Romagna e l'azzardo di San Marino

Ironia della sorte - è il caso di dirlo - si tratta dello stesso tavolo, della stessa casa di giochi di San Marino che aveva destato scandalo, nemmeno pochi giorni fa, alla Festa dell'Unità di Ravenna quando anche a minorenni venivano distribuiti buoni-gioco da 20 euro.

Dopo il caso della Festa del di Ravenna, ecco un altro caso di ‘sponsorizzazione istituzionale” del gioco d’azzardo. Sconcertati i cittadini e duro Bertani: “Incredibile come chi dovrebbe combattere la dipendenza dal gioco dia spazio e visibilità a iniziative del genere”.