Getty Images 489997882
Nazioni Unite

WWF: «Dopo il discorso di Francesco si abbandoni la politica a breve termine»

25 Settembre Set 2015 1812 25 settembre 2015
  • ...

Per l’associazione quello del Papa è stato un discorso «di alta levatura e forza morale e intellettuale. Parole che non vanno solo ascoltate, ma anche seguite, agendo con coraggio e lavorando tutti insieme per il bene comune»

Con un discorso di alta levatura e forza morale e intellettuale, Papa Francesco ha trasmesso finalmente all’Assemblea Generale dell’ONU non solo la forza della denuncia, ma anche di una visione, sottolineando come il deterioramento del clima e dell’ambiente sono strettamente connessi con l’esclusione e la disgregazione delle società umane e con il mantenimento della pace. Per garantire la nostra sopravvivenza il mondo ha bisogno di una nuova era di cooperazione globale.

Il Papa ha detto chiaramente che ogni danno arrecato all’ambiente è un danno arrecato all’umanità e che deve esistere un diritto dell’ambiente e ci ha ricordato che abbiamo un corpo formato da elementi fisici, chimici e biologici e possiamo vivere e svilupparci solo se gli ambienti ecologici che ci circondano sono in buona salute. Il WWF ritiene che le sue parole non vadano solo ascoltate, ma anche seguite, agendo con coraggio e lavorando tutti insieme per il bene comune.

Questo bene comprende il nostro pianeta con le sue terre, gli oceani, i fiumi, le foreste e la straordinaria ricchezza di forme di vita, ovvero, la biodiversità.

Solo attraverso un’azione coraggiosa potremo evitare di trasmettere alle generazioni future le grandi sfide di oggi, inclusa la minaccia del cambiamento climatico. Il nuovo piano condiviso per lo sviluppo sostenibile deve consentire al mondo di agire insieme. Oggi il più grande nemico delle persone, delle comunità e dell’ambiente è l’egoismo. Nella storia, le fedi religiose sono spesso state una guida nel cammino di molti esseri umani verso le aspirazioni più alte e altruistiche; è significativo, come ha sottolineato il Papa, che tutte le fedi invitino a un profondo rispetto per l’ambiente e la natura.

Al di là del credo di ciascuno, dobbiamo vivere in armonia con la natura, dare valore alla natura stessa e trattarla con il rispetto che merita, così come dobbiamo rispetto e giustizia agli altri esseri umani se vogliamo tendere al bene e non alla distruzione. I legami inscindibili tra ambiente ed equità sono la base degli Obiettivi per lo Sviluppo Sostenibile: i leader della Terra nell’adottarli possono agire per un futuro sostenibile, se agli impegni seguiranno i fatti, a cominciare dalla conferenza di Parigi sul Clima a dicembre, nella quale deve essere approvato un accordo globale che desideriamo sia davvero efficace e giusto.

E sull’approvazione del piano “TRANSFORMING OUR WORLD: THE 2030 AGENDA FOR SUSTAINABLE DEVELOPMENT” da parte dei 193 paesi delle Nazioni Unite che oggi lo hanno adottato formalmente al World Summit on Sustainable Development a New York, Yolanda Kakabadse Presidente del WWF Internazionale ha dichiarato: «Le decisioni governative di cambiare le regole del gioco a favore delle persone e dell’ambiente capitano molto raramente e mai prima ciò è avvenuto su questa scala e con questo livello di ambizione. La decisione di oggi è una questione di sopravvivenza. Si tratta di un momento epocale che potrebbe cambiare radicalmente il modo in cui trattiamo il nostro pianeta e l’umanità intera.

Tutti noi ora abbiamo in mano il testo dell’Agenda 2030 e insieme possiamo renderla una realtà - un messaggio sottolineato dal Santo Padre Francesco nel suo discorso all'Assemblea generale poco prima dell’accordo formale di tutti i 193 stati membri».

Ora i leader mondiali devono sostenere questo coraggio politico nei loro paesi e fare le scelte giuste, impegnandosi in una revisione economica, sociale e ambientale totale. La celebrazione odierna deve tradursi rapidamente in atti concreti. Perché questi obiettivi diventino una realtà, i decisori devono dimostrare che la loro intenzione di attuare l’Agenda 2030 e i suoi obiettivi di sviluppo sostenibile è reale e devono rendere i loro sforzi trasparenti attraverso un’attenta revisione, un monitoraggio e un follow-up. Il risultato : il mondo si è oggi riunito e ha dimostrato che le soluzioni reali sono concepibili e realizzabili quando lavoriamo insieme e si mettono da parte gli interessi della politica a breve termine. Ora facciamo che questo accada insieme».

Contenuti correlati