Dar Migrant
Il caso

Der Migrant, un progetto fotografico che fa discutere

8 Ottobre Ott 2015 1504 08 ottobre 2015
  • ...

«L’intento era solo offrire un punto di vista diverso da quello che offrono i media», si difende il fotografo ungherese Norbert Baksa che ha sollevato molte critiche con i suoi scatti che raccontano il dramma dei migranti con modelle immortalate lungo i confini tracciati dal filo spinato

Ha suscitato un mare di critiche il servizio fotografico firmato dall’ungherese Norbert Baksa dal titolo “Der Migrant”: scatti che raccontano il dramma dei migranti con modelle fotografate (con smartphone e capi firmati) lungo i confini tracciati dal filo spinato in Ungheria. Molti hanno visto nelle immagini una strumentalizzazione delle sofferenze dei popoli in fuga da guerre e fame. Critiche da cui Norbert Baksa si difende scrivendo la sua versione.

Sul sito del fotografo si legge questa spiegazione: «Io di solito rifiuto di occuparsi di temi politici, ma questa situazione influisce sulla vita quotidiana di praticamente tutti in Ungheria. Per quanto riguarda le reazioni , speravo che la gente si rendesse conto che la situazione è molto complessa . Non capisco come la gente può prendere una posizione chiara ( pro o contro ) mentre siamo inondati di informazioni contraddittorie attraverso i media, in modo che nessuno ha una conoscenza della situazione nel suo complesso. Per fortuna, molte persone hanno afferrato il significato del materiale e apprezzato per quello che è destinato a significare. D'altra parte, un sacco di persone reagiscono dal loro punto di vista senza cercare di comprendere il significato del messaggio. Durante le riprese , abbiamo fatto del nostro meglio per rispettare la fede della gente e non oltrepassare certi limiti».

Ribadendo di aver volutoattirare l' attenzione sul problema e far riflettere su di esso, Baksa continua: «Artisti di tutto il mondo attraggono regolarmente l'attenzione del pubblico ai problemi attuali attraverso installazioni " scioccanti " e immagini. Questo è un altro esempio di tale arte. A chi mi ha definito stupido , posso solo dire che dovrebbe esaminare il problema da diverse angolazioni , tanto più se non vivono in Ungheria. E ' molto difficile capire dalla copertura di notizie se queste persone sono davvero rifugiati o qualcos'altro».

Quanto al titolo in tedesco, il fotografo lo spiega così: «Abbiamo scelto il titolo il tedesco per diversi motivi. In primo luogo , la Germania è la prima potenza dell'Unione europea e la maggior parte dei migranti vogliono vivere in Germania . La questione dei migranti può essere ed è letta in modi diversi , alcuni vedranno famiglie di profughi con bambini piccoli in fuga per salvarsi la vita , mentre altri vedono solo masse di migranti riottosi o anche terroristi che attaccano la polizia e che rappresentano una minaccia per le nostre società. Mi aspettavo reazioni estreme ma la serie di foto è destinata appunto a far sì che le persone che hanno opinioni estreme si fermino per un minuto ad esaminare la questione da un altro punto di vista. Eravamo certi che qualcuno potesse considerare il materiale come una provocazione».

  • Fc078930079291
  • Efac9630079291
  • B1466530079291
  • 597Cb530079291
  • 6Decc630079291