Big Data computer internet
Tecnologie

A Bari la quinta tappa del TechSoup Tour 2015

15 Ottobre Ott 2015 1620 15 ottobre 2015
  • ...

Arrivano al giro di boa gli incontri che hanno l'obiettivo di far conoscere al mondo del Terzo settore i vantaggi dell'innovazione sociale e le opportunità offerte da TechSoup Italia, programma di donazione tecnologica per il non profit

Nuova tappa, la quinta del roadshow di TechSoup dal titolo “Solidarietà Digitale. Innovare il Terzo settore per favorire equità e sviluppo”. Dopo le aver toccato le città di Venezia, Milano, Torino e Roma mercoledì 21 ottobre è la volta di Bari. Per il 2015 il programma del TechSoup Tour è quello di toccare dieci città italiane per far conoscere i vantaggi dell’innovazione sociale e le opportunità offerte da TechSoup Italia, il programma di donazione tecnologica per il non profit che offre accesso a costi marginali a oltre 200 prodotti software delle migliore aziende Ict.

«La trasformazione digitale del Terzo settore è un passaggio fondamentale verso una società più equa e solidale», ha spiegato Stefano Sala, presidente di SocialTechno e TechSoup Italia. «Ma questo cambiamento deve poter essere anche una scelta sostenibile per il non profit. Il programma di donazione di tecnologia TechSoup, grazie al grande contributo di Microsoft, rende questa trasformazione accessibile a tutte le onp. Per questo SocialTechno, insieme a Microsoft e Fondazione Cariplo, ha deciso di portare la Solidarietà Digitale in tutta Italia, con un tour in 10 città, per far conoscere a tutte le realtà del territorio nazionale i vantaggi della trasformazione digitale per il sociale e l’opportunità offerta dal programma TechSoup Italia».

All’incontro di Bari (dettagli dell’evento in agenda) partecipano tra gli altri: Davide Minelli direttore di TechSoup Italia che illustrerà i vantaggi delle nuove tecnologie al servizio dell’organizzazione sociale, mentre porteranno la loro esperienza Daniela Altomare (Zip.h. cooperativa sociale arl onlus); Sergio Giannulo (Lega del filo d’Oro) e Maurizio Manchisi (Avis provinciale Bari).

Contenuti correlati