Mondo

Oxfam: migliaia di migranti bloccati nei Balcani

21 Novembre Nov 2015 1643 21 novembre 2015

L’appello per evitare un peggioramento della crisi umanitaria. Solo in Serbia sono 1500 i migranti bloccati senza registrazione

  • ...
Migranti NIKOLAY DOYCHINOV:AFP:Getty Images
  • ...

L’appello per evitare un peggioramento della crisi umanitaria. Solo in Serbia sono 1500 i migranti bloccati senza registrazione

Si fa sempre più difficile la situazione per migliaia di migranti bloccati alle frontiere lungo la rotta balcanica, a causa delle restrizioni imposte negli ultimi due giorni da Macedonia, Serbia, Croazia e Slovenia. Lo denuncia Oxfam che chiede il prima possibile la riapertura dei confini a tutte le persone in arrivo dalla Grecia per evitare un peggioramento della situazione umanitaria.

“Dal 20 Novembre, diversi paesi nella rotta balcanica stanno permettendo di attraversare i confini solo ai migranti provenienti da Siria, Afghanistan e Iraq - afferma Sara Tesorieri, policy advisor di Oxfam per l'immigrazione in Europa. - Persone di altre nazionalità che stanno cercando protezione in Europa al momento sono bloccate fuori. Questa decisione rischia di lasciare abbandonate e con un futuro incerto migliaia di persone. Siamo preoccupati del potenziale deterioramento della situazione umanitaria, se questa situazione continua e chiediamo con urgenza a questi paesi di aprire i propri confini soprattutto alle persone che fuggono da persecuzioni e conflitti. Chiediamo inoltre alle autorità nazionali di permettere l’accesso alle associazioni umanitarie per poter assistere le persone".

Solo giovedì oltre 1000 persone che sono state bloccate tra Serbia e Macedonia, mentre al momento sono 1500 le persone intrappolate in Serbia in attesa di registrazione.

"Tutti i paesi devono sostenere i diritti di rifugiati e migranti affermati dalla Convenzione europea dei diritti umani, - continua Tesorieri - evitando di ricorrere ai respingimenti e assicurandosi che tutte le richieste di asilo siano ascoltate singolarmente, non su basi arbitrarie, basate sullo Stato di provenienza".

Contenuti correlati