Campagne

Chiellini ancora una volta in campo per AriSla

24 Novembre Nov 2015 0915 24 novembre 2015

Il difensore della nazionale è il volto della campagna sociale #InsiemecontrolaSla. Attivo il numero solidale 45508. Mario Melazzini: «Vogliamo scommettere ancora una volta sulla forza del “gioco di squadra” per supportare la ricerca scientifica».

  • ...
Campagna SMS Ari SLA Chiellini
  • ...

Il difensore della nazionale è il volto della campagna sociale #InsiemecontrolaSla. Attivo il numero solidale 45508. Mario Melazzini: «Vogliamo scommettere ancora una volta sulla forza del “gioco di squadra” per supportare la ricerca scientifica».

#InsiemecontrolaSla è questo il titolo di una campagna sociale, ma anche la consapevolezza che il gioco di squadra è indispensabile. Ha preso il via oggi, 24 novembre, l’iniziativa di Fondazione AriSla (Fondazione Italiana di Ricerca per la Sclerosi Laterale Amiotrofica) che fino al 12 dicembre raccoglie fondi con il numero solidale 45508.

Testimonial dello spot che andrà in onda sulle emittenti La7 e La7D e Mediaset è il difensore della nazionale e della Juventus Giorgio Chiellini. Non è la prima volta che Chiellini si schiera con AriSla, il difensore azzurro è stato anche il volto della campagna 5xmille della Fondazione. «La mia esperienza di calciatore mi ha insegnato che solo contando sul supporto dell'altro è possibile superare le sfide più ambiziose» dichiara Giorgio Chiellini. «Ecco perché è fondamentale che ognuno sia consapevole del valore del proprio contributo per poter vincere una partita importantissima come quella contro la Sla: insieme si può fare certamente la differenza e sostenere il prezioso lavoro dei ricercatori».

Chiamando da rete fissa il numero solidale 45508 sarà possibile donare 2 o 5 euro, mentre con un sms da cellulare si potranno donare 2 euro.

«Con questa nuova iniziativa di solidarietà vogliamo scommettere ancora una volta sulla forza del “gioco di squadra” per supportare la ricerca scientifica, quale strumento per dare risposte concrete ai bisogni dei malati di Sla e alle loro famiglie», dichiara Mario Melazzini, presidente di AriSla. «Il nostro obiettivo è costruire un presente di speranza per le 6000 persone con Sla che oggi vivono in Italia e fare in modo che il loro futuro sia libero da questa malattia: noi crediamo che sia possibile! Al fianco di AriSla per vincere questa importante sfida c’è uno amico speciale, Giorgio Chiellini, che ringrazio di cuore per aver scelto di condividere questa battaglia. L’invito che rivolgiamo a tutti è di diventare un nostro “compagno di squadra” e contribuire con un piccolo gesto a mantenere viva la speranza, che è vita per tutti noi, in un mondo senza Sla».

Il concept della campagna pone il focus su un parallelismo tra il mondo dello sport e della ricerca: come in una partita, soltanto grazie al gioco di squadra e al fondamentale aiuto di tutti è possibile compiere ulteriori passi in avanti e, come recita il claim “Vinciamo insieme la partita della ricerca sulla Sla”, fornire al più presto risposte tangibili ai pazienti affetti da questa patologia e ai loro familiari. L’iniziativa nasce con lo scopo di sostenere il progetto di ricerca clinica “Cardinals”, ma anche di far conoscere la malattia e sensibilizzare l’opinione pubblica sull’urgenza e la necessità di sostenere la ricerca scientifica.

“Cardinals. Il coinvolgimento del sistema nervoso autonomo nella Sla”, questo il titolo dello studio di ricerca clinica, finanziato da AriSLA grazie alla "Call for Projects 2014" e coordinato dalla professoressa Laura Dalla Vecchia, Fondazione Salvatore Maugeri Irccs, Istituto Scientifico di Milano.
L’obiettivo del progetto è quello di studiare in maniera approfondita la presenza e l’entità di eventuali disturbi del sistema nervoso autonomo, denominate disautonomie. I risultati attesi dal progetto saranno fondamentali per migliorare la qualità della vita dei pazienti, in particolare la comprensione di come il sistema nervoso autonomo venga coinvolto nello sviluppo della malattia costituirà un’informazione importante per i medici che seguono i pazienti con Sla.

Contenuti correlati