O SKINHEADS Facebook
Migranti

Nel giorno degli attacchi skinhead parte “Rifugiato a casa mia”

26 Novembre Nov 2015 1712 26 novembre 2015
  • ...

La Caritas non si fa intimidere e anzi rilancia. Nel giorno degli attacchi con slogan xenofobi, delle sagome tricolori di morti e delle minacce contro 10 proprie sedi parte il progetto di accolgienza diffusa in 170 le famiglie, 150 parrocchie e 30 istituti religiosi per circa mille posti

Era la gironata degli attacchi skinheads nei confotni della Caritas Italiana, è diventata la giornata dell'accoglienza diffusa. Sì perchè questa mattina su tutti i giornali era riportata la nostizia della minacce e provocazioni xenofobe alla Caritas in dieci diocesi del nord Italia.

Sagome tricolori di morti e manifesti funebri contro lo “ius soli” che condannano «il favoreggiamento di un’invasione pianificata di orde di immigrati extracomunitari» sono state posate dagli estremisti di Veneto Fronte Skinheads. L’azione intimidatoria dei fascisti è stata condotta contro le sedi della Caritas diocesane di Como, Brescia, Crema, Lodi, Reggio Emilia-Guastalla, Piacenza-Bobbio, Trento, Mestre, Vicenza e Treviso.

  • DSC 0159
  • DSC 0151

La risposta di Caritas non si è fatta però attendere. Nel pomeriggio è arrivato l'annuncio: a due mesi dall’appello di Papa Francesco e a meno di due settimane dall’apertura del Giubileo della Misericordia, parte il progetto di accoglienza e integrazione “Rifugiato a casa mia”.

«Un’iniziativa che nei territori testimonia ancora una volta autentica cultura e valori umani condivisi nell’ottica del bene comune, e si auspica possa produrre scelte di responsabilità percheé le nostre comunità siano laboratori di un nuovo umanesimo, fatto non di divisioni e contrapposizioni, ma di relazioni e di incontri», spiegano da Caritas.

Sono già oltre 170 le famiglie, 150 le parrocchie e 30 gli istituti religiosi in tutta Italia hanno aderito al progetto mettendo a disposizione circa 1.000 posti per altrettanti cittadini stranieri in difficoltà. Uomini, donne, famiglie che avranno la possibilità di trascorrere almeno 6 mesi in un contesto familiare protetto che cercheraà di ridargli fiducia e speranza. Sarà dunque la famiglia il perno di questa iniziativa: anche nel caso di accoglienza in parrocchia o nell’istituto religioso, infatti, il beneficiario sarà comunque seguito da una famiglia della comunitaà che dovraà accompagnarlo in un percorso di integrazione che oggi, piuù che mai, appare la vera sfida dell’immigrazione.

Si tratta di un’esperienza portata avanti nella totale gratuità in quanto i costi relativi all’accoglienza saranno interamente a carico delle famiglie e delle parrocchie. I costi finali saranno circa 6 volte inferiori a quelli ordinariamente sostenuti dalle Istituzioni per la sola accoglienza.

A tal proposito don Francesco Soddu, direttore della Caritas Italiana, ribadisce che «Rifugiato a casa mia non vuole, però, in alcun modo costituire un ulteriore sistema nazionale di accoglienza, che già esiste e nel quale stiamo operando, ma essere complementare soprattutto rispetto all’integrazione che appare ancora l’aspetto più debole». E continua: «Oggi la Chiesa - da sempre diffusamente impegnata con azioni di prossimità verso tutte le vecchie e nuove forme di povertà, fragilitaà e di bisogno - vuole con questo progetto rafforzare il suo impegno accanto ai profughi attraverso la testimonianza viva delle parrocchie, delle famiglie e degli istituti religiosi che hanno deciso di aprire le porte ai più sfortunati per avviare insieme non solo un percorso di accoglienza, ma soprattutto un cammino di incontro tra culture».

Per i beneficiari sono state messe a disposizione delle risorse economiche da parte della CEI e della ACLI che serviranno per sostenere un Kit per attività formative, culturali, professionalizzanti, rivolte contestualmente al beneficiario e alla famiglia che accoglie.

Contenuti correlati