Kunduz

Msf consegna alla Casa Bianca oltre 548mila firme

10 Dicembre Dic 2015 1019 10 dicembre 2015

Una delegazione di Medici senza Frontiere ha presentato a Obama la petizione per chiedere un'investigazione indipendente sull'attacco statunitense dello scorso ottobre che ha ucciso trenta persone e distrutto l'ospedale in Afghanistan

  • ...
Kunduz Firme 0
  • ...

Una delegazione di Medici senza Frontiere ha presentato a Obama la petizione per chiedere un'investigazione indipendente sull'attacco statunitense dello scorso ottobre che ha ucciso trenta persone e distrutto l'ospedale in Afghanistan

Sono oltre 548mila le firme che Medici senza Frontiere (Msf) ha consegnato alla Casa Bianca per chiedere al presidente Obama di consentire un’investigazione indipendente sugli attacchi aerei Usa contro il centro traumatologico dell’organizzazione medico-umanitaria a Kunduz in Afghanistan.

Almeno trenta persone sono morte a causa degli attacchi del 3 ottobre scorso. Tra loro quattordici membri dello staff di Msf. Gli attacchi hanno distrutto l’ospedale. La petizione – sottoscritta da oltre mezzo milione di persone - chiede al presidente Obama di consentire un’investigazione da parte della Commissione d’Inchiesta Umanitaria Internazionale (Ihffc), l’unico ente appositamente istituito per indagare potenziali violazioni del diritto internazionale umanitario ai sensi delle Convenzioni di Ginevra. Garantire che le strutture sanitarie siano spazi neutrali e protetti e che Msf e altre organizzazioni possano fornire cure mediche in zone di conflitto dipende dal riconoscimento di questi principi.

La distruzione a Kunduz. In apertura la delegazione di Msf davanti alla Casa Bianca

«Soltanto un resoconto completo, condotto da un ente indipendente e internazionale, può ripristinare la nostra fiducia negli impegni presi dagli Stati Uniti a rispettare le leggi della guerra, che vietano nel modo più assoluto simili attacchi contro gli ospedali», ha detto Jason Cone, direttore esecutivo Msf Usa. «Gli Stati Uniti hanno realizzato un’indagine che lascia più domande che risposte. Non è sufficiente che proprio i responsabili degli attacchi siano gli unici a investigare».

In una nota Msf sottolinea come l’attacco di Kunduz abbia privato centinaia di migliaia di persone della possibilità di accedere alle cure mediche presso l’unico centro traumatologico specializzato in Afghanistan nord-orientale. L’esercito statunitense si è assunto la responsabilità degli attacchi, definendoli un errore, ma restano ancora molte domande senza risposta su come e perché hanno permesso che accadessero, continua la nota dell’organizzazione.

In meno di due mesi, la petizione ha ottenuto supporto da persone in tutto il mondo, trasformandosi in un’ondata di sostegno al principio che anche la guerra ha delle regole. Ma gli Stati Uniti devono ancora rispondere alla richiesta di Msf di un’investigazione da parte dell’Ihffc.

Durante la consegna, la dottoressa Deane Marchbein, presidente di Msf Usa, ha letto i nomi dei 14 membri dello staff di Msf uccisi e ha testimoniato la propria esperienza personale nel trattare i pazienti in un ospedale di Msf in Afghanistan.

«Ci impegniamo all’etica medica, a curare le persone in base ai loro bisogni senza considerare se appartengano a una parte o all’altra di un conflitto, o se non appartengano a nessuna di esse», ha detto la dottoressa Marchbein. «Questo è il modo in cui portiamo assistenza medica alle persone che ne hanno più bisogno, alle persone bloccate nelle zone di guerra che soffrono le conseguenze peggiori di un conflitto. Questo è ciò che stavano facendo i nostri colleghi quando hanno perso la vita».

Contenuti correlati