Stili di vita

Una "Christmas bag" contro gli sprechi

10 Dicembre Dic 2015 1605 10 dicembre 2015

La nuova indagine Waste Watcher presentata oggi a Padova in occasione del lancio della family bag promossa dal Ministero dell’Ambiente svela che 4 italiani su 5 (l’86 %) chiedono di non sprecare il cibo nei ristoranti e si dichiarano pronti a portare a casa il cibo avanzato

  • ...
Sprecocibo1
  • ...

La nuova indagine Waste Watcher presentata oggi a Padova in occasione del lancio della family bag promossa dal Ministero dell’Ambiente svela che 4 italiani su 5 (l’86 %) chiedono di non sprecare il cibo nei ristoranti e si dichiarano pronti a portare a casa il cibo avanzato

Sobrietà è la parola d’ordine per un 1 italiano su 2 alle soglie del Natale 2015: lo testimonia l’ultima indagine dell’Osservatorio nazionale sugli sprechi Waste Watcher, di Last Minute Market / Swg. Per il 44% degli intervistati – quasi un italiano su 2 - il Natale che arriva dovrà essere interpretato in chiave di sobrietà, un’attenzione che non avrà il 47 % degli intervistati, legati più tradizionalmente all’idea della festa. Ma c’è di più: Natale non è più la festa simbolica del benessere e dell’abbondanza per il 57% degli italiani, mentre resta il simbolo di una tradizione opulenta per il 43% degli intervistati.

La nuova indagine Waste Watcher è stata presentata giovedì 10 dicembre, a Padova, in occasione del lancio della family bag promossa dal Ministero dell’Ambiente, illustrata dal Sottosegretario Barbara Degani con Andrea Segre’, presidente del Comitato per il Piano di Prevenzione dei rifiuti varato dal Min. Ambiente.

E proprio una "Christmas bag" contro gli sprechi sembra essere regalo gradito agli italiani per il Natale 2015: 4 italiani su 5 (l’86 %) chiedono di non sprecare il cibo nei ristoranti e si dichiarano pronti a portare a casa il cibo avanzato. Solo il 16% non ne farebbe uso perché "si vergogna" (9%) o "non è interessato" (7%). D’altra parte l’83% degli italiani è perfettamente consapevole che il Natale faccia aumentare gli sprechi alimentari.

Ma cosa sprechiamo complessivamente a Natale? Cibo per il 43% degli italiani, denaro per il 41%. Al terzo posto carta e imballaggi. Natale significa anche produzione di maggiori rifiuti: per il 43% la parte del leone nei cassonetti dell’immondizia e’ legata al cibo che si getta. Fra le idee più gettonate per evitare lo spreco delle confezioni, 35 italiani su 100 votano per contenitori di latta, quindi riutilizzabili. “Intelligente e originale” viene considerata anche l’idea di avvolgere i regali in sciarpe, stoffe o strofinacci. Molto meno piace l’idea di impacchettare i regali con carta di giornale.

Studiare meglio le cause e i comportamenti familiari è il primo passo per garantire policies adeguate di prevenzione dello spreco. Per questo Waste Watcher ogni anno propone il suo monitoraggio annuale sullo spreco alimentare domestico. Secono il Rapporto 2015 lo spreco di cibo, dalla dispensa di casa al frigorifero, dai fornelli al bidone della spazzatura domestico, vale complessivamente 8,4 miliardi di euro all’anno, ovvero 6,7 euro settimanali a famiglia per 650 grammi circa di cibo sprecato. Waste Watcher ha lanciato quest’anno, per la prima volta in Italia, il test dei ‘Diari di famiglia’, un metodo di riferimento dei paesi Anglosassoni: si tratta di monitoraggi e rilevazioni scrupolosamente annotate da famiglie campione, che indicano con precisione la misura quali-quantitativa dello spreco ad ogni pasto e spiegano come il cibo gettato viene di volta in volta smaltito, sottoponendosi persino al ‘waste sorting’, ovvero i controlli nella loro pattumiera per la corrispondenza dei dati. E proprio alla luce di questo primo test, condotto nella primavera 2015 da Waste Watcher con la validazione scientifica dell’Università di Bologna – Distal, è possibile affermare che lo spreco di cibo domestico reale e’ circa il 50% superiore allo spreco percepito e dichiarato nei sondaggi. Ne deriva che gli italiani sprecano effettivamente circa 13 miliardi di euro ogni anno con il cibo buttato nella pattumiera di casa.

Contenuti correlati