Anteprima magazine

Cari dirigenti, nel 2016 vinciamo la paura di innovare la scuola

5 Gennaio Gen 2016 1607 05 gennaio 2016

È l'augurio per il 2016 di Ottavio Fattorini, dirigente del liceo Labriola di Ostia. Con il progetto DADA hanno rivoluzionato gli spazi e la didattica. Il segreto? «Il dadaumpa, ovvero l'aver trovato una leva per attivare tutta la comunità scolastica e creare una empatia collettiva». Una bella testimonianza in giorni in cui si parla di dirigenti scolastici come nuovi "equilibristi".

  • ...
Labriola0014
  • ...

È l'augurio per il 2016 di Ottavio Fattorini, dirigente del liceo Labriola di Ostia. Con il progetto DADA hanno rivoluzionato gli spazi e la didattica. Il segreto? «Il dadaumpa, ovvero l'aver trovato una leva per attivare tutta la comunità scolastica e creare una empatia collettiva». Una bella testimonianza in giorni in cui si parla di dirigenti scolastici come nuovi "equilibristi".

Per spiegare l’essenza della rivoluzione in atto, Ottavio Fattorini indica una traiettoria: «dal DADA al dadaumpa» e mentre lo dice è molto serio. Il DADA - che sta per Didattiche per Ambienti di Apprendimento – è un progetto partito con l’anno scolastico 2014/15 al liceo Kennedy di Roma e al liceo scientifico Labriola di Ostia, quello che Fattorini dirige. È una delle possibili declinazioni per una delle 12 idee per innovare la scuola del Manifesto delle Avanguardie Educative (nato dal basso un anno fa, a partire dalle esperienze innovative delle 22 scuole capofila) cui il Labriola aderisce (le presentiamo tutte e 12 sul numero di Vita in edicola da venerdì 9 gennaio): l’idea è quella che lavora sugli spazi di apprendimento, creando “aule laboratorio disciplinare”. Al Labriola così le aule non sono più assegnate alle classi, ma a uno o due docenti della stessa disciplina: sono i ragazzi che si spostano.

Ma cos'è questo dadaumpa?

Gli studenti stessi hanno realizzato un’app per gestire i movimenti e per sapere dove trovare in ogni momento un docente o un alunno, hanno 4 minuti per andare da un’aula all’altra e non è mai successo che qualcuno arrivasse in ritardo (i dati sono “certificati” dagli osservatori esterni dell’Università La Sapienza, che monitorano il progetto). «Il cambio dell’ora, tradizionalmente, dura almeno 6 minuti, significa che recuperiamo 35 ore all’anno di lezione, su 900», spiega Fattorini. «Muovere il corpo riattiva la mente e i ragazzi arrivano in aula più disposti ad apprendere; il docente è nella sua aula, dove tutto è già pronto, la lezione parte immediatamente». Poi c’è la qualità della didattica: «L’ambiente non è neutro, i docenti arredano l’aula nel modo più utile a creare un ambiente di apprendimento attivo, più rispondente alla piramide degli apprendimenti, quella che afferma che noi ricordiamo il 20% di ciò che ascoltiamo e il 90% di ciò che facciamo. L’aula diventa davvero un laboratorio, perché ci sono strumenti funzionali e perché ci sono elementi che creano empatia, non ha senso distinguere. Insegnare e apprendere sono una questione di empatia», spiega Fattorini.

Il DADA è replicabile, certo, ma la cosa fondamentale è che ogni scuola trovi il suo dadaumpa, che la comunità scolastica si metta in discussione, che si crei un’empatia collettiva perché se si sogna da soli e un sogno ma se si sogna insieme è una realtà che comincia

Ottavio Fattorini
  • Labriola0009
  • Labriola0028
  • Labriola0014
  • Labriola0023
  • Labriola0026

Ecco quindi il dadaumpa: «In questo anno ci hanno contattati in tanti, ne siamo orgogliosi. Il DADA però non è avere le aule colorate - blu per letteratura, verde per matematica e scienze, rosso per inglese. Il DADA è una strada per migliorare il successo scolastico dei ragazzi e per noi è stata l’occasione per trovare il nostro dadaumpa: si è creata una comunità empaticamente coesa, che si è attivata e che sta assaporando il gusto di cambiare la didattica. Il DADA è replicabile, certo, ma la cosa fondamentale è che ogni scuola trovi il suo dadaumpa, che la comunità scolastica si metta in discussione, che si crei un’empatia collettiva perché se si sogna da soli e un sogno ma se si sogna insieme è una realtà che comincia». Il tutto fatto con i 110 euro di contributo volontario delle famiglie.

Dal DADA all'edificio apprenditivo

Fattorini, classe 1971, è dirigente al Labriola dal settembre 2013. Nella sua carriera, prima di arrivare qui, ha raccolto 1,2 milioni di euro con attività di fundraising e bandi per le scuole e per progetti educativi. Nel 2015 ha ricevuto il premio Romei conferito dall’Associazione Nazionale Presidi, per il suo «impegno nella ricerca e nella sperimentazione di modalità didattiche innovative, riuscendo a coinvolgere la totalità dei docenti»: «da noi esistono contrasti ma non conflitti», spiega Fattorini, «il contrasto è sui contenuti, si argomenta, il conflitto è fra le persone». Ora parla in una pausa degli scrutini del primo quadrimestre, «dove davvero scrutiamo l’animo dei ragazzi: con il registro elettronico le medie dei voti sono già fatte e il tempo che si risparmia è tutto dedicato a parlare della persona singola. Non c’è alcun logaritmo, ogni storia è una storia a sé, ogni singolo ragazzo è valutato di per sé». Qui le pagelle si danno prima di Natale, per dare ai ragazzi 15 giorni di tempo utile per recuperare subito le lacune.

Dopo il DADA, la nuova sfida del Labriola è quella di trasformare tutta la struttura in un grande e variegato “edificio apprenditivo”, creando tanti punti di apprendimento informale. L’idea è nata in occasione dell’eclissi di sole del 2014, quando erano stati disseminati per il cortile della scuola mille punti di apprendimento, dal telescopio alla radio web, con una diretta seguita anche da ascoltatori di altri Paesi. «Non c’era un solo alunno distratto», ricorda Fattorini. L’obiettivo è creare spazi usati e curati dai ragazzi, dove possano apprendere quasi senza accorgersene (all'interno del liceo c'è fra l'altro la sede di Libera). Esiste già il “muro della memoria”, con tanto di sito dedicato, una mostra permanente spiegata dai ragazzi stessi ad altri ragazzi e che fa già parte delle proposte del turismo scolastico, affiancato alla sinagoga di Ostia, la più antica del Mediterraneo. I prossimi passi sono il giardino astronomico, le aule di fisica progettate dai ragazzi, le poltrone negli androni per l’angolo del bookcrossing…

La sfida per il 2016: vincere la paura

«Dobbiamo avere coraggio, tutto ciò che non è vietato si può fare e allora facciamolo», dice Fattorini. «È l’augurio che faccio alla scuola italiana per il 2016: dobbiamo uscire dalla paura e dall’attesa normativa, troppo spesso subiamo le norme invece di usarle per aprire nuovi orizzonti. Non è facile, perché il sistema ci suggerisce di avere comportamenti menefreghisti e di scarico di responsabilità: ricordo che il dirigente scolastico dell’Aquila sta in carcere».

Contenuti correlati