Salute

#Grf2016: torna la raccolta del farmaco in farmacia

12 Febbraio Feb 2016 1612 12 febbraio 2016

Oltre 14mila volontari della Fondazione Banco Farmaceutico sabato 13 febbraio saranno nelle 3.700 farmacie che hanno aderito alla XVI Giornata. La raccolta anche a San Marino. Nel 2015 la richiesta di medicinali da parte di anziani, famiglie e immigrati in difficoltà è aumentata del 6,4%

  • ...
FRED TANNEAU:AFP:Getty Imagesm Farmacia
  • ...

Oltre 14mila volontari della Fondazione Banco Farmaceutico sabato 13 febbraio saranno nelle 3.700 farmacie che hanno aderito alla XVI Giornata. La raccolta anche a San Marino. Nel 2015 la richiesta di medicinali da parte di anziani, famiglie e immigrati in difficoltà è aumentata del 6,4%

In Italia ci sono persone che non si possono permettere di comprare farmaci, a fronte di una spesa media di 444 euro pro capite, 4,1 milioni di poveri (dati Istat 2015) possono spenderne solo 69. È come se un Paese come l’Irlanda o una regione come il Piemonte o la Puglia si trovassero nella condizione di non potersi curare perché tra gli aspetti della povertà vi è anche la cosiddetta “povertà sanitaria”. Ed è per queste persone che domani, sabato 13 febbraio si terrà in tutta Italia e nella Repubblica di San Marino la XVI Giornata di Raccolta del Farmaco - #Grf2016. I cittadini più poveri sono sì il senza dimora, ma anche il pensionato con la minima o il 50enne che è stato “esodato”.

«I dati dimostrano come la crisi, soprattutto per le categorie sociali più deboli, non sia alle spalle» osserva Paolo Gradnik, presidente della Fondazione Banco Farmaceutico onlus. «C'è bisogno dell'aiuto di tutti per dare una mano a chi non riesce a curarsi e sono sicuro che gli italiani sapranno rispondere, come ogni anno, con grande generosità». Nel 2015, ricorda una nota della Fondazione la richiesta di medicinali da parte di anziani, famiglie e immigrati in difficoltà è aumentata del 6,4%.

Per tutta la giornata di sabato nelle 3.700 farmacie (che espongono la locandina della Grf2016) di 1.200 comuni saranno attivi oltre 14mila volontari della Fondazione Banco Farmaceutico che raccoglieranno i farmaci per automedicazione, i cosiddetti farmaci da banco che saranno ridistribuiti a oltre 400mila persone (anziani, famiglie e immigrati in difficoltà economica) che ogni giorno vengono assistite dai 1.638 enti caritativi che collaborano con la Fondazione in tutta Italia.

Lo slogan della XVI Giornata di Raccolta del Farmaco

A collaborare alla Giornata sono BFReaserch, Federfarma, Fofi e CdO Opere Sociali. Nelle precedenti edizioni sono stati raccolti oltre 3 miloni e 750mila farmaci, per un controvalore commerciale superiore ai 22 milioni di euro.
«Non c’è indagine che non riconosca come caratteristica forte del farmacista la patient advocacy, la sua capacità cioè di stare dalla parte del cittadino-paziente, soprattutto quello che si trova nelle condizioni più difficili, quando al bisogno di salute si aggiungono difficoltà economiche», aggiunge il senatore, Andrea Mandelli, presidente della Federazione degli Ordini dei Farmacisti Italiani. «La Giornata di raccolta del farmaco è un’ottima espressione della capacità del farmacista non solo di essere solidale con le persone in difficoltà, ma anche di saper coinvolgere la comunità in una concreta azione di supporto».

Volontario alla Giornata di raccolta del farmaco 2015

Il direttore dell’Aifa Luca Pani osserva che «Come Agenzia Italiana del Farmaco abbiamo il dovere di tutelare la salute garantendo l'accesso ai farmaci da parte di tutti i cittadini. Per questo motivo, da tempo supportiamo il Banco Farmaceutico e tutte le iniziative volte a stimolare la donazione di farmaci per quelle persone in stato di disagio che hanno bisogno di medicinali, talvolta anche costosi e destinati alla cura di patologie gravi. Si tratta di pazienti che spesso non hanno neanche la possibilità di pagare il ticket e il coraggio di chiedere aiuto, perché la povertà genera vergogna e porta spesso ad automedicarsi, senza rivolgersi al medico». «Le farmacie con il Banco Farmaceutico, testimoniano ancora una volta il proprio ruolo di primo presidio sociosanitario sul territorio, particolarmente attento alle necessità dei cittadini più fragili, e confermano il valore sociale dell'impegno quotidianamente svolto in favore della collettività» è il commento di - Annarosa Racca, presidente di Federfarma cui si aggiunge la presidente di Assosalute Agnès Regnault che ricorda il sostegno dell’associazione nazionale farmaci di automedicazione sin dalla prima edizione della Grf, «Assosalute è da sempre impegnata a promuovere la cultura del bene salute, a prendersi cura di se stessi e all'utilizzo consapevole e responsabile dei farmaci di automedicazione. È quindi per noi, non solo un dovere, ma un piacere poter contribuire a questa iniziativa e poter offrire alle persone più bisognose una possibilità in più di stare bene».

La Giornata di raccolta del farmaco ha ottenuto l'Alto Patronato della Presidenza della Repubblica, il patrocinio di Aifa (Agenzia Italiana del Farmaco) e Pubblicità Progresso, l'utilizzo del logo del Giubileo della Misericordia, il sostegno di Assosalute, DOC Generici, EG EuroGenerici, Intesa Sanpaolo, Teva Italia, oltre che l'Alto Patrocinio degli Eccellentissimi Capitani Reggenti e il Patrocinio del Congresso di Stato e dell'Istituto per la Sicurezza Sociale della Repubblica di San Marino.

In apertura foto di Fred Tanneau/Afp/Getty Images

Contenuti correlati