IMG 20151030 WA0005
Formazione

Il fundraising italiano guarda oltre oceano

14 Marzo Mar 2016 1050 14 marzo 2016
  • ...

Il prossimo 5 maggio a Roma un corso di “Fundraising con le Fondazioni Internazionali” per imparare a cogliere le opportunità per la raccolta fondi anche altro oceano. «Stati Uniti India e Cina sono nuove economie mondiali a cui deve guardare il fundraiser», dice Martina Bacigalupi, docente del corso. L’intervista

La “The FundRaising School” la prima scuola italiana dedicata unicamente alla raccolta fondi con lo scopo di far acquisire ai professionisti delle organizzazioni non profit strumenti, metodologie e competenze necessarie per garantire la sostenibilità dei propri progetti sociali, guarda oltre oceano con il corso “Fundraising con le Fondazioni Internazionali. La scuola è stata lanciata nel 1999 da Aiccon, Associazione Italiana per la promozione della Cultura della Cooperazione e del Non Profit, il Centro Studi promosso dall’Università di Bologna e dall’Alleanza delle Cooperative Italiane, che annovera tra i suoi membri numerosi enti pubblici e istituzioni private operanti nell’ambito dell’Economia Sociale. Il corso, che si terrà a Roma il prossimo 5 maggio, ha come obiettivo principale quello di aiutare i foundraiser a cogliere le opportunità offerte a livello internazionale per il finanziamento di progetti dal forte valore sociale aggiunto. Tra i docenti Cristina Durati direttore della Congregazione delle Suore del Buon Pastore, che conta oltre 3000 membri in 73 paesi, e Martina Bacigalupi, responsabile progetti di Fondazione Agidae Labor. È, inoltre, consulente fund raising per il Siena Art Institute e per l’associazione Circo e dintorni, con la quale ha vinto il I bando 2014 di Europa Creativa. Bacigalupi in un’intervista a Vita.it spiega quanto è importate imparare a parlare un linguaggio globale.

Qual è l'obiettivo del corso?
Vogliamo volgere lo sguardo verso il mondo dei finanziamenti al di fuori dell’Italia e dell’Europa. In particolare, offriremo gli strumenti per capire come si può accedere ai fondi messi a disposizione dalle fondazioni americane. In un post pubblicato sul mio blog qualche mese fa ho raccolto qualche numero: tra il 2011 e il 2015, le organizzazioni italiane che operano nel settore di intervento “arts and culture” hanno beneficiato di oltre 7 milioni di dollari. Questi soldi, per esempio, sostengono l’attività di fondazioni culturali come Palazzo Strozzi e l’Accademia Nazionale di Santa Cecilia.

Perché la raccolta di fondi ha bisogno di una prospettiva internazionale?
Perché il fundraising non si gioca più in una dimensione locale, né nazionale. Occorre guardare a nuovi mercati in cui è possibile fare raccolta fondi, Stati Uniti in primis, ma anche India e Cina e le nuove economie mondiali sono esempi interessanti, che contengono importanti lezioni per chi fa questo mestiere. La difficoltà è fare fundraising in modo accorto e consapevole. Se è vero che le organizzazioni filantropiche e le persone che le animano hanno passioni, desideri, necessità e motivazioni comuni in tutto il mondo, è altrettanto vero che ciò che funziona in una cultura non sempre funziona in un’altra. Ogni contesto ha le proprie regole ed è bene conoscerle.

Vale anche in una cultura piuttosto vicina alla nostra com’è quella americana?
Sì, certo. Anzi, chi lavora con le fondazioni americane deve sviluppare un approccio molto differente da quello europeo: le fondazioni americane considerano il non profit come un braccio operativo e desiderano essere coinvolte, anzi lo pretendono. Infatti, difficilmente si troverà un bando da esaminare o un formulario da scandagliare, ma quello che il fundraiser potrà fare è individuare quelle fondazioni che condividono gli obiettivi e le finalità della propria organizzazione e/o progetto.

Che caratteristiche ha il partecipante tipo di questo corso?
Oggi il mondo del fundraising richiede al fundraiser di essere professionale e capace di utilizzare abilità specialistiche. Questo è uno dei pochi corsi in Italia che consente ai fundraiser senior di approfondire un mercato della raccolta fondi ancora poco esplorato nel nostro Paese. Chi parteciperà conosce le regole di base della professione, ma sa quanto sia importante acquisire know how specialistico che gli consenta di lavorare anche con le nicchie di mercato.

Che cos'è la fundraising school?
È la prima scuola italiana dedicata unicamente alla formazione sulle tematiche relative alla raccolta fondi etica. La caratteristica distintiva, che personalmente ritengo un grande valore aggiunto, è che l’offerta formativa della scuola affianca al corso base alcuni seminari specialistici per fundraiser e grantseeker che già lavorano in questo campo. Come dicevo, il fundraiser oggi deve essere consapevole che questo settore è cambiato e sta cambiando, che le relazioni personali non sono più sufficienti. Ne consegue che sia i nuovi colleghi che i professionisti senior, per stare al passo con i tempi, devono aggiornarsi con continuità. Quella di lavorare su scala internazionale, per tornare ai contenuti del corso, è un’ulteriore competenza richiesta alla figura del fundraiser, nonché una sfida collegata alla rapida crescita dalla competizione che i nuovi professionisti del fundraising si trovano a vivere.

Il programma del corso

Contenuti correlati