Majorana Brindisi Img 1274
Scuola

La scuola del futuro: concorso per progettare 52 nuove scuole

5 Maggio Mag 2016 1144 05 maggio 2016
  • ...

Il Miur lancia il Concorso Scuole Innovative: architetti e ingegneri dovranno progettare la scuola del futuro, che sarà un civic center

Il Ministro Stefania Giannini, il Sottosegretario Davide Faraone e la coordinatrice della Struttura di Missione per l'Edilizia Scolastica di Palazzo Chigi, Laura Galimberti, hanno presentato questa mattina il Concorso di idee “Scuole Innovative”. Il Concorso chiama a raccolta architetti e ingegneri affinché realizzino proposte di progetti per istituti scolastici sicuri, sostenibili e a misura di studente. Queste proposte verranno poi utilizzate per la costruzione di 52 nuove scuole.

Per l’edilizia scolastica fra fondi stanziati fino ad oggi e nuovi fondi «stiamo movimentando 7 miliardi», ha detto il ministro Stefania Giannini. Il bando #scuoleinnovative, uscirà la prossima settimana, con scadenza il 30 agosto: sarà un bando per 52 nuove scuole, per immaginare un nuovo modello educativo, una «riscrittura della mappa educativa del Paese», con la «scuola come centro di riferimento della comunità», «veri e propri civic center» e il presupposto che didattica e spazio si intersechino a vicenda. Il contest è internazionale e prevede – grazie a Inail – tre premi da 25mila, 10mila e 5mila euro. Dove sorgeranno le 52 scuole? Da Aviano a Siracusa, ma anche da Lonate Ceppino a Montemiletto, piccoli Comuni. Fra esse ci saranno 15 scuole superiori. Inail acquisterà le aree dove sorgeranno le scuole. Per Laura Galimberti il concorso sarà il «motore di rinnovamento per normativa tecnica dell'edilizia scolastica».

Ad accompagnare il tutto ci sono un sito, www.scuoleinnovative.it, con la mappa delle aree dove sorgeranno le nuove scuole e alcuni riferimenti ad esperienze già esistenti e un’app, #labuonascuola, «per verificare i fondi spesi per l’edilizia scolastica e fare segnalazioni». E forse arriverà anche concorso per gli arredi scolastici, che devono anch’essi essere coerenti all’involucro innovativo.

In foto il Majorana di Brindisi

Contenuti correlati