Minori

Save the children, rush finale di eventi per la campagna Illuminiamo il futuro

14 Maggio Mag 2016 0900 14 maggio 2016

L'iniziativa dell'ong per contrastare la povertà educativa ha coinvolto da lunedì scorso almeno 10mila persone. Domenica mattina 15 maggio appuntamento in piazza a Roma, Milano, Torino, Napoli, Bari e Palermo per il flashmob conclusivo

  • ...
Getty Images Minori Migranti Roma
  • ...

L'iniziativa dell'ong per contrastare la povertà educativa ha coinvolto da lunedì scorso almeno 10mila persone. Domenica mattina 15 maggio appuntamento in piazza a Roma, Milano, Torino, Napoli, Bari e Palermo per il flashmob conclusivo

Entra nel rush finale, con gli eventi di sabato 14 e domenica 15 maggio, la campagna nazionale “Illuminiamo il Futuro” promossa dall'ong Save the Children, per il contrasto della povertà educativa, con eventi dedicati ai bambini in programma fino a domenica in tante piccole e grandi città nelle diverse regioni, da nord a sud del Paese.

Partita da Roma il 9 maggio scorso, la campagna ha già coinvolto più di 10.000 persone, in maggioranza bambini e adolescenti, nell’iniziativa “7 Giorni per il Futuro” con la partecipazione attiva a più di 400 eventi organizzati da 250 tra associazioni, organizzazioni e istituzioni in tutte le regioni italiane, per sottolineare concretamente l’impegno comune indispensabile a invertire il ciclo negativo della povertà educativa.

Tra i principali eventi previsti nei prossimi due giorni si segnalano “I Giovani e le Stelle” al Planetario di Torino con ingresso gratuito under 18, il battesimo del mare in barca vela per i giovanissimi con la Lega Navale di Palermo, la costruzione e l’utilizzo di bandiere e tamburi con il gruppo Tamburini e Sbandieratori del Quartiere Casello a Feltre (BL) e le Storie all’Improvviso nello spettacolo del Teatro Verde a Roma, ma anche i ciclo-percorsi per i piccoli biker organizzati per l’occasione al Baby Bike Park a L’Aquila. Poi ancora la scuola di ballo in piazza per i bambini a Marina di Gioiosa Ionica (RC) e i giochi in centro a Locri (RC), la camera buia dove “illuminare il futuro” e i giochi di strada ad Ancona, il “Sabato in Scienza” alle prese con reperti, stereoscopi e microscopi ottici e le attrezzature del laboratorio in località Sant'Alberto (RA), il sabato Fuoriclasse dei docenti da tutta Italia che si riuniscono a Milano per condividere le esperienze sulla dispersione scolastica o, a Bari, il laboratorio di cucina per bambini guidati dallo chef.

Domenica mattina alle ore 11.30 il grande appuntamento con i flashmob in piazza per la chiusura della campagna a Roma (Piazza del Popolo), Milano (Piazza Castello), Torino (Piazza Carignano), Napoli (Piazza del Gesù), Bari (Largo Giannella – Piazza Diaz), Palermo (Lungomare del Foro Italico): tutti invitati a partecipare insieme ai bambini, portando con sé l’oggetto, la foto o il libro che ha o ha avuto un significato speciale nella propria formazione personale.

Per maggiori informazioni sugli eventi in tutte le regioni: http://www.illuminiamoilfuturo.it/eventi/

Per informazioni e contatti sui flashmob: http://www.illuminiamoilfuturo.it/flashmob/

Partecipare con i propri figli a questa grande mobilitazione significa unire le forze affinché nessun bambino e ragazzo sia privato della possibilità di far fiorire i propri talenti e di costruire liberamente il suo futuro. Come segnalato nel rapporto “Liberare i bambini dalla povertà educativa: a che punto siamo?”, diffuso in occasione della campagna da Save the Children - l’organizzazione dedicata dal 1919 a salvare la vita dei bambini in pericolo e a tutelare i loro diritti -, il curriculum dei bambini italiani è infatti minato in partenza da numerose lacune. A partire dalla scarsa offerta di servizi all’infanzia (13%), passando per la gravissima assenza del tempo pieno (assente nel 68% delle primarie e nell’80% delle secondarie di primo grado), al 59% degli studenti che va a scuola in strutture insufficienti a garantire l’approfondimento, fino a un tasso di dispersione scolastica che raggiunge ancora il 15%. Una penalizzazione amplificata ulteriormente dalla forte carenza di attività extracurricolari, visto che ben il 64% dei minori nell’ultimo anno non ha svolto almeno quattro attività tra andare a teatro o ad un concerto, visitare musei, siti archeologici o monumenti, svolgere regolarmente attività sportive, leggere libri o utilizzare internet: il 17% ne ha svolta soltanto una, mentre l’11% non ne ha svolta nessuna. Il 48% dei minori tra 6 e 17 anni non ha letto neanche un libro, se non quelli scolastici, nell’anno precedente, il 69% non ha visitato un sito archeologico e il 55% un museo e il 46% non ha svolto alcuna attività sportiva.

Il rapporto “Liberare i bambini dalla povertà educativa: a che punto siamo?è disponibile alla pagina: www.savethechildren.it/pubblicazioni

Contenuti correlati