Milano Infanzia GIUSEPPE CACACE:AFP:Getty Images)
Arché

Bambini a Milano: 17 proposte per colmare il gap

23 Maggio Mag 2016 1034 23 maggio 2016
  • ...

Creare un Albergo sociale per famiglie con figli sfrattate, potenziare le baby sitter di condominio, far nascere nelle scuole primarie dei centri di ascolto per i genitori: la Giornata #bambiniamilano si è conclusa con una risoluzione in 17 punti. Eccoli

«Vorrei suggerirvi una prospettiva che vi sembrerà paradossale: quella di non mettere i bambini al centro»: così padre Giuseppe Bettoni, presidente di Arché, sabato 14 maggio ha concluso il suo intervento alla Giornata di Studio #bambiniamilano. «Nessuno è il centro del mondo, nemmeno i bambini: piuttosto tutti siamo “figli di” e questa è la prospettiva di responsabilità che dobbiamo tenere presente nel pensare i bambini a Milano e non solo, di oggi e di domani».

In questo video, presentato durante la Giornata, i bambini di Milano disegnano la città che loro vorrebbero.

Il Forum di riflessione sul rapporto tra bambini e la vita nella Milano metropolitana, promossa da Fondazione Arché insieme a Università Cattolica e a Save the Children, si è concluso con una risoluzione finale con 17 proposte concrete (qui il testo integrale, che si può sottoscrivere). Eccone alcune:

  1. Costituire un Osservatorio di monitoraggio permanente sui bambini a Milano;
  2. Progettare e realizzare un approfondimento sullo status economico e le condizioni abitative delle famiglie con componenti di età compresa tra 0 e 14 anni;
  3. Creare un Albergo Sociale per famiglie e nuclei mamme e bambini sfrattati in condizione di emergenza temporanea e difficoltà economiche che hanno i requisiti per l’ERP (Edilizia Residenziale Pubblica);
  4. Istituire nelle scuole primarie e secondarie inferiori dei centri di ascolto gestiti da personale qualificato per accogliere la domanda di informazione e orientamento da parte dei genitori;
  5. Sfruttare e valorizzare le potenzialità degli spazi delle scuole al di fuori dell’orario curriculare, per implementare progetti di accoglienza e intrattenimento educativi, culturali, di integrazione rivolte al personale scolastico, ai ragazzi e alle loro famiglie;
  6. Potenziare all’interno del sistema della domiciliarità la linea di aiuti familiari nella componente baby-sitting, in ottica di conciliazione tempi lavoro e famiglia, favorendo forme innovative come baby-sitter di condominio, coinvolgendo se possibile “giovani nonni”, neopensionati e giovani studenti;
  7. Formulare ed attuare politiche a sostegno dei nuclei famigliari con figli a carico che comprendano anche l’erogazione contributi e/o bonus economici per i nuclei in difficoltà riguardo la gestione delle attività educative e ricreative dei figli minori (0- 14 anni);
  8. Invito perché l’amministrazione comunale si impegni a sostenere il valore dell’istituzione del Tribunale dei Minorenni;
  9. Chiediamo all’amministrazione comunale di promuovere una discussione presso il Governo del Paese sul tema della rappresentanza politica di tutti i membri della famiglia, compresi i figli minorenni.

Foto Getty Images

Contenuti correlati