Erbicida YASUYOSHI CHIBA:AFP:Getty Images
Denuncia

Così il glifosato dai campi finisce nella pipì

31 Maggio Mag 2016 1824 31 maggio 2016
  • ...

Una ricerca americana ha svelato che nelle urine del 93% del pubblico Usa è presente l'erbicida più usato al mondo. I test sono stati organizzati dal progetto "The Detox". La denuncia dell'Aiab, l'associazione italiana per l'Agricoltura biologica

L’Aiab, l’associazione italiana per l’agricoltura biologica ha diffuso i dati di una ricerca statunitense sulla presenza di erbicidi nelle urine umane. E i dati sono quanto mai preoccupanti: «Il glifosato, l'erbicida più usato al mondo, è stato riscontrato nelle urine del 93 per cento del pubblico americano nel corso di un progetto di valutazione iniziato nel 2015».

Il glifosato, etichettato come "probabile cancerogeno umano" dall'agenzia sul cancro dell'Organizzazione Mondiale della Sanità (Iarc) nel 2015, è stato ora rivelato essere onnipresente nel primo progetto di sperimentazione più completo realizzato in America.
Questo progetto - partito un anno e mezzo fa – è presentato da Aiab come il primo test pubblico effettuato su un campione così ampio ed è stato condotto dall'Università della California di San Francisco(Uscf). Il test delle urine e sull'acqua è stato organizzato dal progetto "The Detox" e commissionato dall'Associazione statunitense Consumatori biologici.

Il monitoraggio, che ha già fornito più test di campioni di urine di ogni altro studio di bio-monitoraggio sul glifosato mai fatto in America, è stato sostenuto dai cittadini, che hanno pagato spontaneamente il costo per l'analisi dei campioni di urina e di acqua in cui rilevare i residui da parte del laboratorio dell'Università.
I dati diffusi in una presentazione da parte del laboratorio dell’Ucsf coprono solo le prime 131 persone testate. Ulteriori dati di bio-monitoraggio pubblico, che ora è stata completato, annuncia l’associazione italiana dell’agricoltura biologica saranno rilasciati nel corso del 2016.

«Questi risultati mostrano che le autorità di regolamentazione degli Stati Uniti hanno deluso i consumatori in America» ha affermato Henry Rowlands, direttore del progetto Detox. «La scienza indipendente dimostra che il glifosato può essere - a questi livelli di esposizione- un ormone hacker ed è presente nei prodotti alimentari. Il livello di sicurezza d'ingestione del glifosato è semplicemente sconosciuto nonostante quello che l'Epa e la Monsanto avrebbe fatto credere a tutti. Il progetto Detox che ha organizzato questo test è una piattaforma di ricerca che porta consapevolezza al pubblico riguardo le sostanze chimiche tossiche presenti nel nostro corpo e nel nostro cibo» ha continuato. «Crediamo che tutti abbiano il diritto di sapere quali sostanze chimiche tossiche artificiali sono nel nostro corpo e nel nostro cibo».

Questi i risultati

Il glifosato è stato trovato nel 93% dei 131 campioni di urina testate; con un livello medio di 3.096 parti per miliardo (ppb). I bambini avevano i livelli più alti con una media di 3.586 ppb.
I risultati del test delle urine in America hanno mostrato una frequenza molto più alta del livello di glifosato riscontrato rispetto alla media di quelli osservati in campioni di urina analizzati in Unione europea nel 2013. Il livello medio in Europa è stato di circa 1 ppb, con una frequenza di rilevazione del 43,9 per cento.

«Se i consumatori hanno avuto qualche dubbio circa la misura in cui essi vengono avvelenati dal Roundup della Monsanto, i risultati di questi test dovrebbero appianare queste perplessità e convincerli del tutto», ha detto Ronnie Cummins, direttore internazionale di Organic Consumers Association. «Questi risultati evidenziano l'enorme fallimento degli Stati Uniti e delle sue agenzie di regolamentazione, tra cui l'Epa, l'Usda e l'Fda, nel proteggerci anche se continuano a perpetuare il mito che l'esposizione a un basso livello di glifosato sia innocuo. Dobbiamo abbattere questo modello velenoso profittevole e costruire al suo posto un sistema alimentare e agricolo che rigenera e guarisce, prima che sia troppo tardi», ha concluso Cummins.

In apertura foto di Yasuyoshi Chiba/Afp/Getty Images

Contenuti correlati