Rappresentanze

Rinnovati i vertici dell’Acri: Guzzetti presidente per un altro triennio

8 Giugno Giu 2016 1639 08 giugno 2016

L’avvocato Giuseppe Guzzetti è stato rieletto, all’unanimità dell’assemblea, presidente dell’Acri per un altro triennio. «Sono certo», ha dichiarato il presidente, «che insieme sapremo affrontare al meglio le sfide che il futuro ci propone: da una crescente e irrinunciabile attenzione ai bisogni dei minori che vivono, o approdano, in Italia alla realizzazione di piani di welfare di comunità»

  • ...
Guzzetti
  • ...

L’avvocato Giuseppe Guzzetti è stato rieletto, all’unanimità dell’assemblea, presidente dell’Acri per un altro triennio. «Sono certo», ha dichiarato il presidente, «che insieme sapremo affrontare al meglio le sfide che il futuro ci propone: da una crescente e irrinunciabile attenzione ai bisogni dei minori che vivono, o approdano, in Italia alla realizzazione di piani di welfare di comunità»

L’avvocato Giuseppe Guzzetti, al vertice dell’Acri dal 2000, è stato rieletto all’unanimità presidente dell’Associazione di Fondazioni e di Casse di Risparmio Spa per un nuovo triennio. L’Assemblea ha contestualmente provveduto a rinnovare altri importanti organi dell’Associazione – quali il Consiglio, il Comitato delle Società Bancarie, il Comitato Piccole e Medie Fondazioni e il Collegio dei Revisori dei Conti – secondo i nuovi criteri di governance definiti dalla riforma statutaria approvata il 10 febbraio scorso, che dà maggiore rappresentatività ai territori.

«Il nostro obiettivo», ha affermato Guzzetti, «è di rendere sempre più efficaci e partecipati i processi decisionali, puntando proprio sull’ampio coinvolgimento delle Associate nella formazione degli organi associativi e su un raccordo rafforzato e sistematico con le compagini territoriali. Sono certo che insieme sapremo affrontare al meglio le sfide che il futuro ci propone: da una crescente e irrinunciabile attenzione ai bisogni dei minori che vivono, o approdano, in Italia alla realizzazione di piani di welfare di comunità, capaci di integrare opportunamente contributi progettuali e operativi pubblici e privati, fino all’implementazione di iniziative in grado di stimolare e favorire una nuova fase di crescita civile e di sviluppo economico per il nostro Paese».

Il Consiglio è composto da 30 membri, oltre al presidente dell’Associazione. Cinque sono espressione delle prime cinque Fondazioni associate in termini di dimensione del patrimonio in base all’ultimo bilancio approvato disponibile, uno espressione del Comitato Piccole e Medie Fondazioni, due espressione del Comitato delle Società Bancarie, ventidue espressione di cinque Aree Geografiche (Area Geografica del Nord Ovest: Lombardia, Piemonte, Liguria; Area Geografica del Nord Est :Veneto, Trentino Alto Adige, Friuli Venezia Giulia; Area Geografica dell’Emilia Romagna: Emilia Romagna; Area Geografica del Centro: Toscana, Umbria, Marche, Abruzzo; Area Geografica del Sud e delle Isole: Lazio, Campania, Calabria, Puglia, Sardegna, Sicilia), di cui nove rappresentati dai Coordinatori/Presidenti delle Consulte/Associazioni Territoriali.

Il Comitato Esecutivo dell’Acri, che con la nuova governance prende il posto del Comitato di Presidenza dell’Associazione, verrà individuato nella prossima riunione del Consiglio. Oltre al Presidente dell’Associazione, che ne è membro di diritto, sarà composto da otto membri espressione delle Fondazioni, di cui tre saranno eletti dal Consiglio quali Vicepresidenti per le Fondazioni, e uno espressione del Comitato delle Società Bancarie, che questo Comitato stesso avrà indicato come vicepresidente in rappresentanza delle Società Bancarie.

Contenuti correlati