WWF Lupo
Compleanni

WWF Italia, 50 anni nel segno della natura

4 Luglio Lug 2016 1729 04 luglio 2016
  • ...

Donatella Bianchi, presidente WWF Italia: «C'è una storia che, grazie al WWF, tutti i bambini imparano da piccoli, in ogni angolo del mondo. È quella del panda e delle tante specie minacciate dall'uomo. Succede anche in Italia, da 50 anni con il lupo, l'orso, le balene»

«Dalla nostra nascita, nel lontano 1966, ci prendiamo cura delle specie in pericolo e dell'ambiente dove vivono», scrive la Presidente del WWF Italia, Donatella Bianchi, nell'ultimo numero di Panda, la rivista dell'Associazione.

In questi 50 anni in Italia il WWF ha lasciato il segno, dall’approvazione della legge sulla caccia alla legge quadro sui parchi (1991), dalla creazione del sistema Oasi, che tutelano 35.000 ettari di territorio - la prima fu Burano in Maremma nel 1967 – alla diffusione di una sensibilità ambientale attraverso le scuole, al grande lavoro svolto sulle specie in via di estinzione. Proprio le Oasi sono state le protagoniste nella domenica appena trascorsa, con un'apertura gratuita e speciale dedicata proprio ai 50 anni del WWF in Italia.

«Oggi se ripensiamo alle tante cose fatte (celebrate dal francobollo di Poste italiane!) siamo orgogliosi: ma dobbiamo esserlo anche dal dinamismo e dalla capacità di ripartire che il WWF dimostra ogni giorno in Italia, dove siamo presenti ancora una volta sulla Vespucci della Marina Militare, promuovendo iniziative e incontri nei porti, sorvegliamo i nidi di tartarughe marine e le sottraiamo a morte sicura nei nostri centri di recupero, coinvolgiamo giovani studiose inviate tra i gorilla nel centro Africa, sosteniamo Dzanga Sangha grazie al contributo di migliaia di italiani (più di 100.000 hanno donato all’SMS solidale) e siamo presenti con le nostre guardie volontarie sul fronte antibracconaggio» ha detto Donatella Bianchi.

Se è nata, anche in Italia, una nuova coscienza del mondo naturale, il merito è in larga parte di chi, cinquant’anni fa, ha cominciato a parlarci del mondo con il pretesto di parlarci del panda

Michele Serra

Tra gli animali salvati dal WWF alcuni sono divenuti il simbolo delle battaglie dell'Associazione: come il cervo sardo, ridotto a poche decine di esemplari fino a quando il WWF non si impegnò nella battaglia per l'acquisto di Monte Arcosu, nel 1985, la lontra, simbolo della battaglia WWF per salvare i fiumi italiani attraverso le Oasi, e poi l'orso e il lupo, oggetto fin dagli anni ‘70 delle prime battaglie dell’Associazione. Ma anche piccole specie come il pelobate fosco, un piccolo rospo padano, e uccelli come la pernice bianca, minacciata sulle Alpi dalla caccia e dai cambiamenti climatici. I veri festeggiati sono loro.

«Se quel lontano 1966 non avessimo avuto l'idea di aderire alla Associazione Internazionale nata 5 anni prima, cosa sarebbe cambiato nella nostra società e nel nostro Paese? Probabilmente una gran parte delle paludi sarebbe stata bonificata, probabilmente il lupo (ridotto a solo 100 animali nel 1973) sarebbe ormai estinto, probabilmente molti boschi, steppe, acquitrini, pascoli sarebbero stati invasi dal cemento. E la caccia sarebbe durata, come nel 1966, per sette mesi all'anno» conclude Fulco Pratesi, Presidente onorario e tra i fondatori del WWF Italia.

In occasione dei 50 anni, sono arrivati gli auguri speciali di Piero Angela: «Il WWF ha costituito – ha detto il decano della divulgazione scientifica in Italia- , in tutti questi decenni, una presenza continua e concreta a favore dell’ambiente dimostrando il valore della ricchezza della natura per il benessere di noi tutti. Con visione, capacità di futuro e concretezza ha contribuito a creare una cultura ambientale nel nostro Paese e nel mondo e a dimostrare con i fatti cosa si può fare per difendere la base stessa della nostra esistenza».

Il WWF ha costituito una presenza continua e concreta a favore dell’ambiente, dimostrando il valore della ricchezza della natura per il benessere di noi tutti.

Piero Angela

Panda, lo storico magazine dell’Associazione diretto da Fulco Pratesi, nell’ultimo numero - dedicato ai 50 anni - ospita anche un pezzo di Michele Serra: «Se è nata, anche in Italia, una nuova coscienza del mondo naturale e, di conseguenza, dell’agire umano, della delicatezza degli equilibri naturali, delle responsabilità che abbiamo nei confronti del mondo, il merito è in larga parte di chi, cinquant’anni fa, ha cominciato a parlarci del mondo con il pretesto di parlarci del panda».

Foto in apertura: C.Frapporti

Contenuti correlati