Getty Images 579210944
Germania

Telefono Azzurro: "Strage di Monaco: l'attentatore vittima di bullismo"

25 Luglio Lug 2016 1112 25 luglio 2016
  • ...

Esperienze traumatiche delineano il profilo del ragazzo autore della strage a Monaco di Baviera. C'è un legame tra il disagio giovanile, il bullismo e i gesti di violenza efferata che stanno sconvolgendo l'Europa? Per Telefono Azzurro è fondamentale non sottovalutare il fenomeno. Il bullismo è un dramma che spesso spinge i più deboli a compiere gesti estremi e distruttivi

Preso in giro dai compagni di classe, vittima di bullismo, in cura psichiatrica per depressione: i media stanno dando dettagli che, ora dopo ora, delineano il profilo del ragazzi, autore della strage di Monaco. Secondo diverse testate, Ali Sonboly, 18enne tedesco-iraniano, avrebbe agito per vendetta dopo essere stato vittima di bullismo per diversi anni a scuola: un anonimo ex compagno di classe ha rivelato che il 18enne prometteva «sempre» di «uccidere» i bulli che lo tormentavano. Esperienze traumatiche vissute durante l'infanzia e l'adolescenza, come il bullismo, possono determinare disagi, che a loro volta si possono trasformare in veri e propri atti distruttivi, come l'attentato nella capitale della Baviera.

Per questo - osserva Telefono Azzurro - è fondamentale non sottovalutare il fenomeno, quindi cogliere in tempo i segnali di disagio e agire tempestivamente: le conseguenze del bullismo sul piano psicologico, sia a breve che a lungo termine, possono essere molto drammatiche. Soprattutto in situazioni di integrazione, l'attenzione ai ragazzi deve sempre rimanere alta.

Alla lunga, infatti, le vittime arrivano a mostrare una svalutazione di sé e delle proprie capacità, insicurezza, problemi sul piano relazionale, fino a manifestare,in alcuni casi, veri e propri disturbi psicologici, tra cui quelli d’ansia o depressivi. Più il tempo passa, più i ruoli si definiscono e le conseguenze diventano dannose.

Telefono Azzurro da ormai quasi trent'anni mantiene alta l'attenzione sul tema e ogni giorno mette in campo azioni concrete per contrastarlo e - affermano a Telefono Azzurro - oggi più che mai se ne capisce la necessità. Contro il bullismo si devono attivare sia la scuola che la famiglia: è importante che genitori e insegnanti comunichino tra loro e si metta in atto un intervento condiviso e coerente. Al centro di tutto ci deve essere l'ascolto. Telefono Azzurro, attraverso la linea gratuita 1.96.96, ogni giorno 24 ore su 24, accoglie richieste di aiuto da parte di bambini, adolescenti e adulti in difficoltà.

Contenuti correlati