Ricorrenze

La forza di dire "no": 36 anni fa moriva Franco Basaglia

29 Agosto Ago 2016 1643 29 agosto 2016

«Aprire l'Istituzione – insegnava Basaglia – non è aprire una porta, ma la nostra testa di fronte a "questo" malato...». Una lezione attualissima, che in troppi vorrebbero dimenticare

  • ...
Franco Basaglia
  • ...

«Aprire l'Istituzione – insegnava Basaglia – non è aprire una porta, ma la nostra testa di fronte a "questo" malato...». Una lezione attualissima, che in troppi vorrebbero dimenticare

Il cammino di Franco Basaglia si interrompeva il 29 agosto del 1980, a Venezia, due anni dopo la legge redatta da Ossicini, ma di cui fu ispiratore e che per tutti porta ancora il suo nome. Una legge, la 180, che imprimeva un passo nuovo, decisivo a tutto il sistema della salute italiano.
«Noi - scriveva il grande psichiatra - neghiamo dialetticamente il nostro mandato sociale che ci richiederebbe di considerare il malato come un non-uomo e, negandolo, neghiamo il malato come non-uomo.
Noi neghiamo la disumanizzazione del malato come risultato ultimo della malattia, imputandone il livello di distruzione alle violenze dell’asilo, dell’istituto, delle sue mortificazioni e imposizioni; che ci rimandano poi alla violenza, alla prevaricazione, alle mortificazioni su cui si fonda il nostro sistema sociale.
La depsichiatrizzazione è un po’ il nostro leit-motiv. È il tentativo di mettere fra parentesi ogni schema, per agire in un terreno non ancora codificato e definito. Per incominciare non si può che negare tutto quello che è attorno a noi: la malattia, il nostro mandato sociale, il ruolo. Neghiamo cioè tutto ciò che può dare una connotazione già definita al nostro operato. Nel momento in cui neghiamo il nostro mandato sociale, noi neghiamo il malato come malato irrecuperabile e quindi il nostro ruolo di semplici carcerieri, tutori della tranquillità della società…».