Mauro Previdi
Città

Periferika: uno sguardo sulle periferie di Verona

29 Settembre Set 2016 1443 29 settembre 2016
  • ...

Inaugura il 3 ottobre e rimarrà aperta fino al 29 “Periferika”, importante progetto fotografico dedicato alle periferie di Verona. Secondo l'architetto Giorgio Massignan: «Le periferie rappresentano il luogo-non-luogo, residuo di una non-pianificazione del territorio che ha sempre privilegiato gli interessi speculativi all’equilibrio urbanistico della città»

Che cos'è "centro"? Che cosa, una periferia? Forse solo lo sguardo può farci capire le profonde coimplicazionio tra periferie e centro nelle nostre città. Partendo da questa idea, Flavio Castellani, Stefano Franchini, Denis Giusti, Mauro Previdi, Marco Sempreboni, dell’Associazione Verona Off, presentano il loro progetto fotografico dedicato alle periferie di Verona.

La mostra inaugurerà lunedì 3 ottobre alle ore 16,00 presso la Biblioteca Civica di Verona, in Via Cappello n.43 e alle ore 17,15 in Sala Farinati, si terrà la presentazione del progetto fotografico con interventi di Giorgio Massignan e degli autori stessi.

La mostra si concluderà sabato 29 ottobre 2016 e fino a quella data le opere saranno sempre visibili esternamente dalla vetrina della Biblioteca Civica, lato via Cappello. A corredo della mostra e dell’intero progetto è disponibile un catalogo con testi di Giorgio Massignan dell’Osservatorio territoriale “VeronaPolis” e di Silvano Bicocchi curatore dell’esposizione.

Denis Giusti per "Periferika"

Secondo gli autori “Il progetto fotografico “Periferika” desidera richiamare, con connotazione positiva, l’attenzione dello spettatore ai dettagli, ad una consapevole visione di particolari in un territorio altrimenti a rischio di essere scotomizzato. Gli sguardi degli autori cercano di essere liberi da atteggiamenti retorici, o emotivi, per aderire ad un modello più documentario, di conoscenza degli aspetti marginali che formano il tessuto periferico della città. Il riconoscimento del luogo fotografato diviene talvolta un aspetto secondario, superato dalla prevalente attenzione agli elementi ripresi che quindi assumono caratteri diversi dalla loro semplice plasticità esteriore, diventando portatori di significati altri. Da un processo di visione si arriva alla conoscenza, alla consapevolezza, alla rappresentazione della realtà”.

Stefano Franchini per "Periferika"

Per Silvano Bicocchi, curatore del progetto “Attribuire a un progetto fotografico la capacità d’essere in grado d’animare la dialettica su un tema, vuol dire considerare la fotografia un linguaggio tecnico atto a formulare dei messaggi personali da parte dei fotografi”.

Secondo Giorgio Massignan, architetto e urbanista che ha curato la prefazione al catalogo “Periferika”: "Le periferie rappresentano il luogo, non-luogo, residuo di una non-pianificazione del territorio che ha sempre privilegiato gli interessi speculativi all’equilibrio urbanistico della città”.Il catalogo del progetto fotografico è accompagnato dalle introduzioni dell’Architetto Giorgio Massignan, dell’Osservatorio territoriale “VeronaPolis” e di Silvano Bicocchi, curatore della mostra fotografica.

Giovedì 13 ottobre alle ore 20,30, presso la Fondazione G. Toniolo - Polo Culturale Diocesano in Via Seminario 8/10 a Verona, si terrà la Conferenza “Fotografia ai margini delle città”, relatore Daniele Tanto (fotografo professionista, docente in corsi di fotografia presso il liceo Maffei, formatore e storico della fotografia) ; e giovedì 20 ottobre, stesso luogo e stessa ora, la Conferenza “PERIFERIKA: lettura dei messaggi iconici di un progetto fotografico collettivo”, relatore Silvano Bicocchi (docente del Dipartimento culturale della FIAF Federazione Italiana Associazioni Fotografiche).

La mostra e le attività sono patrocinate dalla Biblioteca Civica del Comune di Verona, dalla Fondazione Giuseppe Toniolo e dall’Ordine degli Architetti della Provincia di Verona.

In copertina: Mauro Previdi per "Periferika"