No Slot

Azzardo Nazionale. M5S: «Renzi agisca contro l'azzardo sponsor dell'Italia»

6 Ottobre Ott 2016 1833 06 ottobre 2016

«Stop a operazione Figc-Intralot, governo agisca contro azzardo». Lo chiedono in un'interpellanza i deputati del Movimentl 5 Stelle

  • ...
Sepp Blatter Carlo Tavecchio Lettera 1
  • ...

«Stop a operazione Figc-Intralot, governo agisca contro azzardo». Lo chiedono in un'interpellanza i deputati del Movimentl 5 Stelle

«Chiediamo al presidente del Consiglio se ritenga opportuno che a fare da premium sponsor delle nazionali di calcio sia una società attiva nel mondo delle scommesse e se intenda adottare iniziative volte a far recedere la Figc dalla decisione già assunta. A questi quesiti va aggiunta la domanda cruciale: alla luce del fatto che il divieto di pubblicità inserito da questo governo nell'ultima legge di Stabilità è facilmente aggirabile, come dimostra proprio la vicenda che stiamo sollevando, Palazzo Chigi intende estendere il divieto anche alla pubblicità indiretta, soprattutto per quanto riguarda le sponsorizzazioni sportive, al fine di evitare il ripetersi di episodi come questo?».

Così i deputati del MoVimento 5 Stelle e il senatore Giovanni Endrizzi nell'interpellanza presentata alla Camera a firma Mantero, Valente, Baroni, Basilio.

«Il fatto che il premium sponsor delle nazionali di calcio per i prossimi due anni sarà Intralot, società del Gruppo Gamenet attiva nel mondo delle scommesse e tra i maggiori concessionari di gioco in Italia, si commenta da sola. Facciamo addirittura fatica a concepire il fatto che qualcuno, all'interno delle istituzioni sportive, abbia anche soltanto pensato di portare avanti un'operazione che trasmette un messaggio inaccettabile e che, dunque, va stoppata. In nome del dio denaro e di un cospicuo finanziamento si sta facendo finta di non sapere che l'azzardopatia è una vera e propria patologia e che in Italia ne è affetto circa un milione di cittadini, con ricadute sulla collettività dal punto di vista della spesa sociale per miliardi di euro. Non riteniamo ci sia altro da aggiungere».