Monsignor Alberto D'urso
Calcio & Azzardo

Gentilissimo Tavecchio, stracci l'accordo con Intralot

6 Ottobre Ott 2016 1702 06 ottobre 2016
  • ...

Il Presidente della Consulta Nazionale Antiusura “Giovanni Paolo II”, Mons. Alberto D’Urso, scrive una lettera al Presidente della Federazione Italiana Giuoco Calcio, Carlo Tavecchio, per chiedere di svincolarsi dall’accordo con Intralot del gruppo Gamenet (concessionario di Stato per scommesse, slot, vlt). Ecco il testo

“La delusione, lo sdegno, l’indignazione, la preoccupazione e l’allarme lanciati in queste ore dalla gente comune, da alcuni mass-media ed esponenti del mondo calcistico –scrive Mons. D’Urso- spero siano cause sufficienti per indurre la Federazione Italiana Giuoco Calcio a svincolarsi dall’accordo sottoscritto con la Intralot del gruppo Gamenet (concessionario di Stato per scommesse, slot, vlt) che promuove e incentiva l’azzardo. E se la dilagante ludopatia diffusa e che sta rovinando tante persone e famiglie e l’economia del Paese non bastassero (il 25% dei giovani delle scuole superiori, di età compresa fra 15 e 19 anni, dichiara che l’azzardo può essere una fonte di reddito; 88 miliardi di euro nell’intero Paese, pari al 5% del Pil sono consumati in azzardo…), vorrei far presente che esiste un Decreto che vieta la pubblicità a tutte le forme di scommesse e altro sulle reti radiotelevisive. E ora troviamo sulla maglia della Nazionale un marchio che non fa pubblicità al gioco, ma all’azzardo”.

La Consulta Antiusura sottolinea che la Federazione Italiana Giuoco Calcio, sottoscrivendo quell’accordo non solo ha macchiato il gioco agonistico per eccellenza di “denaro sporco” che uccide, coinvolgendosi nella responsabilità di tante persone che per debiti si sono suicidate e si suicidano o finiscono nella morsa dell’usura a causa dei debiti da azzardo, mostra di non avere in conto tante tragedie personali, familiari e aziendali e di non comprendere lo spirito della legge dello Stato.

Mons. D’Urso invita la FICG a compiere l’unico atto di ragionevolezza e buon senso che l’opinione pubblica e la parte sana del mondo calcistico si attendono dal Presidente della FICG: sciogliere l’accordo di sponsorizzazione bollato di polemiche, preoccupazioni concrete e di illegalità. Sarebbe un gesto di grande responsabilità verso il Paese e restituirebbe credibilità al mondo del Calcio che agisce nell’ambito dello Sport.

Nella lettera sono state ricordate le dichiarazioni di ieri di Papa Francesco al primo Incontro mondiale su Sport e Fede, dal tema ‘Sport at the Service of Humanity’, che ha esortato i rappresentanti dello Sport e delle aziende che sponsorizzano gli eventi sportivi a “mantenere la genuinità dello sport, proteggerlo dalle manipolazioni e dallo sfruttamento commerciale”. E a fare ogni sforzo per “sradicare ogni forma di corruzione e manipolazione”.

“Non sarebbe corretto – conclude il Presidente della Consulta Nazionale Antiusura - nei confronti di appassionati tifosi e soprattutto dei minori produrre le immagini del calcio inquinate da pubblicità che sono delle trappole intrise di azzardo. Sono certo che appena gli Azzurri si saranno liberati del marchio di Intralot, tanti sponsor si faranno avanti per sostenere la Nazionale. In attesa dell’unico gesto che restituisca alla maglia azzurra il colore della trasparenza, della gioia che unisce e non rimanda alla compulsività e all’isolamento, La saluto cordialmente”.

Contenuti correlati