Appelli

Povertà: Acli, il governo approvi il reddito di inserimento

17 Ottobre Ott 2016 1329 17 ottobre 2016

Il presidente Roberto Rossini interviene commentando il disegno di legge delega approvato nel luglio scorso dalla Camera che introduce una misura stabile di contrasto alla povertà assoluta, denominata Reddito di Inclusione (Rei), attualmente in discussione al Senato: «È l'inizio di un percorso che deve portare all’adozione di una misura nazionale rivolta a tutte le persone in povertà assoluta»

  • ...
Homeless Povertà FRANCOIS NASCIMBENI:AFP:Getty Images
  • ...

Il presidente Roberto Rossini interviene commentando il disegno di legge delega approvato nel luglio scorso dalla Camera che introduce una misura stabile di contrasto alla povertà assoluta, denominata Reddito di Inclusione (Rei), attualmente in discussione al Senato: «È l'inizio di un percorso che deve portare all’adozione di una misura nazionale rivolta a tutte le persone in povertà assoluta»

La povertà è in aumento in Italia, e solo da pochi anni le istituzioni si stanno occupando del problema, per esempio introducendo il reddito di inclusione: le Acli plaudono all'idea, ma chiedono maggiori risorse. In occasione della Giornata internazionale per l'eliminazione della povertà, il presidente Roberto Rossini, che è anche Portavoce dell’Alleanza contro la povertà in Italia, è tornato a denunciare l’assenza di una misura nazionale universalistica rivolta a chi vive in povertà assoluta. “La povertà è una violazione dei diritti umani - afferma Rossini, del diritto fondamentale all’abitazione, al cibo, alla casa, all’istruzione, a un lavoro dignitoso”.

Stando alle ultime stime diffuse dall’Istat e rilanciate oggi dal rapporto Caritas, nel nostro Paese il numero degli indigenti continua a crescere e non è mai stato così alto dal 2005 ad oggi. Solo negli ultimi anni il tema della povertà assoluta è entrato nell’agenda politica. Alcuni interventi stanno tentando di dare una prima risposta al ritardo cui il nostro paese affronta il tema dell’esclusione sociale. In Senato, in questi giorni, è in discussione un disegno di legge delega approvato nel luglio scorso dalla Camera che introduce una misura stabile di contrasto alla povertà assoluta, denominata Reddito di Inclusione (Rei).

“Il Reddito d’inclusione – continua Rossini - va inteso come un inizio, e non un punto di arrivo di un percorso che, gradualmente, ma in un arco di tempo definito, deve portare all’adozione di una misura nazionale rivolta a tutte le persone in povertà assoluta”. Per rendere la misura universale è necessario incrementare l’entità delle risorse stanziate, con l’impegno di elevare gradualmente quelle destinate all’inclusione sociale sino a garantire, al massimo entro 4 anni, un sostegno a tutte le persone in povertà assoluta. Ciò consentirebbe di dare una solida base al disegno di legge delega e al progetto contro la povertà, incentrato sulla misura del REI e sul complementare Piano Nazionale contro la Povertà ivi previsto, rendendo la misura effettivamente universale. “Siamo ad un passaggio decisivo per la lotta alla povertà in Italia – conclude il presidente delle Acli – auspico che le scelte da compiere nelle prossime settimane ricevano adeguata attenzione da parte del Governo e del Parlamento”.

Contenuti correlati