DSC8349
Abio

Topolini all'asta per ospedali a misura di bambino

24 Novembre Nov 2016 1742 24 novembre 2016
  • ...

26 statue di Topolino donate da Disney Italia a Fondazione ABIO Italia Onlus sono state battute all’asta. Il ricavato dell’evento benefico, tenutosi presso il Salone d’Onore della Triennale di Milano, è stato devoluto al 100% ad ABIO, per la realizzazione di spazi a misura di bambino presso gli ospedali, primo fra tutti il reparto di Neuropsichiatria Infantile dell’Ospedale dell’Aquila, centro ospedaliero di riferimento per le zone colpite dal terremoto del centro Italia

Dopo un lungo viaggio tra le principali città italiane, le 26 statue di Topolino donate da Disney Italia a Fondazione ABIO Italia Onlus sono state battute all’asta da Filippo Lotti, amministratore delegato di Sotheby’s Italia. Il ricavato dell’evento benefico, tenutosi presso il Salone d’Onore della Triennale di Milano, è stato devoluto al 100% ad ABIO, per la realizzazione di spazi a misura di bambino presso gli ospedali, primo fra tutti il reparto di Neuropsichiatria Infantile dell’Ospedale dell’Aquila, centro ospedaliero di riferimento per le zone colpite dal terremoto del centro Italia.

A sostenere l’evento tante celebrità come Billy Costacurta, Martina Colombari, Marco Columbro, Camila Raznovich, Ezio Greggio, …. Molti inoltre i rappresentanti delle aziende che hanno sostenuto l’iniziativa benefica con le loro donazioni, come Marco Brunellii del Gruppo Finiper….

L’asta conclude la grande iniziativa TOPOLINO E L’ITALIA che, fin dal suo debutto a Milano lo scorso 22 aprile, è stata accolta con calore in tutte le sue tappe (Milano, Bologna, Napoli, Roma e Torino) con oltre 4 milioni di italiani e turisti che hanno ammirato e fotografato le statue battute oggi all’asta da Filippo Lotti, amministratore delegato di Sotheby’s Italia, a favore di Fondazione ABIO Italia Onlus, dal 1978 al fianco dei bambini in ospedale tramite la presenza in tutta Italia di 5.000 volontari qualificati e la realizzazione di progetti di arredo adatti ai più piccoli.

Daniel Frigo, amministratore delegato di The Walt Disney Company Italia commenta: “Con la sua verve e il suo incrollabile ottimismo, Topolino, il personaggio simbolo della Disney, è stato protagonista della coloratissima asta benefica che ha concluso l’iniziativa culturale avviata con la

mostra TOPOLINO E L’ITALIA, fatta di opere d’arte che testimoniano l’affinità di marchi di eccellenza e l’amore degli italiani per Mickey Mouse”. Frigo conclude: “Portare la magia dell’intrattenimento ai bambini e alle famiglie in difficoltà è un valore fondamentale per la nostra Company ed è per questo che da anni Disney Italia sostiene il grande impegno di associazioni come Fondazione ABIO Italia Onlus”.

“ABIO, Associazione per il Bambino in Ospedale, è dal 1978 al fianco dei bambini, degli adolescenti e dei loro genitori per portare il sorriso nei momenti e nelle situazioni di difficoltà” – dichiara Eugenio Bernardi, Vicepresidente di Fondazione ABIO Italia Onlus - “Ci sentiamo quindi molto vicini al messaggio che Disney da sempre, grazie anche a Topolino, porta a tutti i bambini e alle loro famiglie. Essere coinvolti quindi in questa importante iniziativa promossa da The Walt Disney Company Italia è per noi un grande onore e riconoscimento di quanto fatto nei nostri 38 anni di storia negli ospedali di tutta Italia. Grazie a TOPOLINO E L’ITALIA, Fondazione ABIO potrà realizzare nuove sale ludiche e spazi a misura di bambino negli ospedali italiani dove non sono ancora presenti.”

In asta, oltre alle tre opere personalizzate direttamente da Disney Italia, sono state battute anche quelle “firmate” da aziende d’eccellenza che hanno collaborato all’iniziativa e celebrato la grande storia che unisce da sempre l’Italia all’icona Disney, in particolare: Brums, Chicco/Artsana, Clementoni, Ferrarelle, Ferrero, Gazzetta dello Sport, Giochi Preziosi, Gruppo Sorgente, IL CENTRO, K - Way, Kartell, Lisciani, Monnalisa, Panini, Piquadro, Unipol Sai, Salmoiraghi e Vigano’, SKY, San Carlo, Taormina Film Festival, Upim, Vespa e l’Istituto Europeo di Design.

Contenuti correlati