Paideia Adisco 2016 039©Andreaguermani
Fondazione Paideia

L'arte di Valerio Berruti porta i bimbi a Eurodisney

29 Novembre Nov 2016 1143 29 novembre 2016
  • ...

Per il quarto anno consecutivo torna il progetto “Looking for the magic” che vede l'alleanza di Paideia con Adisco - Sezione Piemonte. La mostra dell'artista, curata da Marcorossi artecontemporanea e allestita allo Spazio Ersel di Torino, raccoglierà i fondi necessari per portare i bambini assistiti dalla Fondazione al parco divertimenti di Parigi

Per il quarto anno consecutivo, Fondazione Paideia e ADISCO - Sezione Piemonte realizzano insieme un progetto di raccolta fondi per offrire ai bambini assistiti e alle loro famiglie un bellissimo viaggio a Eurodisney.

L’artista coinvolto nel progetto di quest’anno è Valerio Berruti (Alba 1977) che da sempre disegna, dipinge, scolpisce bambini. La mostra con le sue opere, curata da Marcorossi artecontemporanea e allestita presso lo Spazio Ersel in Piazza Solferino 11, sarà visitabile dal 28 novembre 2016 al 20 gennaio 2017.

I bambini sono la sua fonte di ispirazione, inconsapevoli strumenti visivi per parlare di tematiche importanti ed attuali, per indurci a riflettere. I bambini di Valerio Berruti, infatti, rappresentano l'infanzia per definizione, ma parlano anche di molto altro, di arte, tempo, vita. Le sue immagini possono sembrare molto rasserenanti a prima vista: eppure tanta armonia, tanta perfezione sembra nascondere un che di indefinibile, una forza metaforica, un pensiero serio e talvolta perturbante.

Oltre ad esporre le opere del suo ultimo ciclo di lavori, Valerio Berruti ha ideato per Fondazione Paideia e ADISCO – Sezione Piemonte un progetto particolare che consiste nella realizzazione di un prezioso bassorilievo in ceramica, in 200 esemplari, che viene proposto insieme a due libri d’artista realizzati da Berruti. Il primo che si intitola Paradise Lost, curato da Marco Enrico Giacomelli e edito da Silvana Editoriale, è dedicato all’ultima produzione artistica di Berruti, dove prosegue l’indagine sul tema dell’infanzia con un forte elemento di discontinuità: per la prima volta, infatti, accanto ai bambini è disegnata la loro ombra, simbolo di gioco ma anche di oscurità. Il secondo è un Flipbook intitolato Come il vento tra i salici, edito da Gallucci, un progetto legato alle Langhe, che nasce da una vecchia copia del romanzo di Kenneth Grahame del 1908, sulle cui pagine Berruti ha disegnato 71 tavole che animano il Flipbook, accompagnate dai versi e, nella video animazione, scaricabile da Vimeo, dalla musica del cantautore amico dell’artista, Gianmaria Testa. A fronte l’ormai introvabile traduzione del libro di Beppe Fenoglio, in cui la storia è trasposta nella sua terra.

Alcune opere di Berruti


L’esposizione e la vendita delle opere proseguiranno fino al 20 gennaio 2017 dal lunedì al venerdì (ore 10-18) e il ricavato sarà devoluto alla raccolta fondi per la vacanza nel parco divertimenti Disney della capitale francese.

Contenuti correlati