Getty Images 629681792
Siria

Aleppo, per le ong la responsabilità è della Comunità Internazionale

15 Dicembre Dic 2016 1030 15 dicembre 2016
  • ...

La rete Link 2007 oltre a chiedere di salvare quel che resta della città siriana lancia un appello «per l’avvio di una decisa revisione e un reale rafforzamento delle istituzioni delle Nazioni Unite, a partire dal Consiglio di Sicurezza, e di un consolidamento della politica estera comune dell’Unione Europea»

Aleppo e più in generale i cinque anni di guerra in Siria rappresentano, ancora una volta, la sconfitta dell’umanità e delle istituzioni che hanno il compito di proteggerla e di conservarla nella pace.

«Negli ultimi trent’anni, noi ONG umanitarie e di sviluppo abbiamo più volte vissuto in mezzo a devastazioni, macerie, palazzi sventrati, case distrutte, scuole e ospedali irriconoscibili, cercando di dare una parvenza di normalità ai bambini e di curare malati e feriti, far partorire nuove vite, ultimo segno di speranza di un futuro migliore anche se tremendamente incerto», scrivono da Link 2007 – Cooperazione in Rete (l’ associazione di coordinamento consortile che raggruppa importanti ong italiane). «Dall’Africa all’Asia, dal Caucaso ai Balcani centinaia di migliaia di persone hanno subito sofferenze, morti, distruzioni, sfollamenti, esilio, pur non avendo nulla a che fare con le ragioni del conflitto, perdendo beni, affetti, legami, dignità».

L’iniziativa internazionale si è dimostrata debole, tardiva, incapace di fermare i massacri e le devastazioni, di promuovere le necessarie azioni politiche, di rendere efficaci gli strumenti della diplomazia e del dialogo. «La priorità della vita e della dignità umana è stata resa subalterna alle ragioni del conflitto, spesso appositamente create, e l’odio che ne è derivato ha diviso popolazioni e persone che avevano da sempre vissuto le une al fianco delle altre, lavorando, unendosi e procreando senza dar peso alle diversità».

«C’è molto che non va nelle istituzioni internazionali», è l'amara constatazione di Link 2007, «se ripetutamente sono state sconfitte dalla realtà dei fatti non avendo saputo prevedere e prevenire, se ripetutamente il loro intervento si dimostra fragile e inadeguato, se basta l’interesse e il veto di un paese per paralizzare la doverosa azione collettiva. C’è molto che non va nell’Unione Europea se il suo peso politico internazionale in materia di conflitti rimane debole e ininfluente anche nelle aree più vicine all’Europa, se qualche Stato può agire per conto proprio e per le proprie convenienze, mentre le conseguenze ricadono inevitabilmente su tutt»i.

La guerra in Siria e in particolare l’agonia di Aleppo - che nessuno riesce a fermare nonostante gli appelli e le pressioni che giungono ripetutamente alle istituzioni internazionali, a quelle europee, ai governi dei singoli paesi, tra cui l’Italia - rappresentano ancora una volta una sconfitta dell’umanità e dimostrano la debolezza delle nostre istituzioni impreparate ad affrontare politicamente i conflitti, creando le condizioni per prevenirli, contenerli, fermarli sul nascere.

«All’appello, ribadito, accorato e pressante per salvare quel che resta di Aleppo e della sua popolazione, uniamo oggi l’appello per l’avvio di una decisa revisione e un reale rafforzamento delle istituzioni delle Nazioni Unite, a partire dal Consiglio di Sicurezza, e di un consolidamento della politica estera comune dell’Unione Europea al fine di un maggiore ed effettivo peso comunitario nelle relazioni internazionali, per la pace e la sicurezza».

Contenuti correlati