Minori
Minori

La Sicilia nomina il suo primo Garante per l'Infanzia

23 Dicembre Dic 2016 1547 23 dicembre 2016
  • ...

Dopo quattro anni dall'approvazione della legge istitutiva, Luigi Bordonaro, professore di Storia e Filosofia fino al 2011, giudice onorario presso il Tribunale per i minorenni di Caltanissetta è il primo Garante per l'Infanzia della Regione Sicilia

La Sicilia ha il suo primo Garante per l’infanzia e l’Adolescenza. Si tratta di Luigi Bordonaro, Professore di Storia e Filosofia fino al 2011, Giudice onorario presso il Tribunale per i minorenni di Caltanissetta, componente dell’osservatorio interistituzionale per la dispersione scolastica, nonchè autore di numerose pubblicazioni sul disagio giovanile, sulla devianza e dispersione scolastica.

La norma istitutiva di questa figura risaliva a quasi quattro anni fa (legge regionale 47 dell’agosto 2012), ma il Garante in Sicilia non è mai stato nominato, tanto che a febbraio alcune associazioni (la “Meter Onlus” di Don Fortunato di Noto, la “Fondazione Èbbene” e l’ “Asa Onlus”) avevano promosso una petizione per chiedere la nomia del garante e avevano provocatoriamente nominato un "garante ombra" del garante inesistente (qui l'elenco dei garanti regionali).

«In ogni Regione dovremmo avere un Garante e fortunatamente anche la Sicilia si è dotata di questa figura. Tuttavia non ci sono ancora tutti, e le Regioni mancanti dovrebbero con urgenza attivarsi per individuare il loro Garante, soprattutto lì dove esiste già il riferimento legislativo per istituire questa figura», ha commentato Filomena Albano, Garante per l'Infanzia e l'Adolescenza. «Sin da subito, nella veste di Presidente della Conferenza nazionale per la garanzia dei diritti dell’infanzia e dell’adolescenza, ho fortemente voluto l’incontro con i garanti regionali, e ho così avuto modo di constatare il prezioso lavoro che si può fare insieme sulle tante azioni che dobbiamo realizzare nei confronti dei bambini e dei ragazzi. L’auspicio è che facciano presto anche quelle Regioni che mancano all’appello».

Contenuti correlati