3S
Terzo settore

Un appello al confronto sulla riforma

27 Gennaio Gen 2017 2138 27 gennaio 2017
  • ...

Un gruppo di associazioni di volontariato legate propongono un Documento e lanciano un sito per contestare lo Schema di decreto legislativo in circolazione che si discosterebbe dalle indicazioni contenute nella legge delega

«Questo nostro intervento nasce dalla profonda preoccupazione che ci ha procurato la lettura di un testo che sta circolando definito Schema di decreto legislativo recante “misure di sostegno allo sviluppo del Terzo settore” nel quale si evidenziano contrasti con quanto affermato nella legge delega, né tantomeno si individuano criteri per la definizione delle “attività di interesse generale”». Così un centinaio di realtà associative, sotto il nome di “La parola ai volontari”, hanno sottoscritto un documento in cui vengono precisati i punti in cui vorrebbero un confronto. Documento che è stato inviato al Governo, alle competenti Commissioni parlamentari e ad altre istituzioni interessate.

Tra i punti che vengono messi in discussione c’è l’articolo 2. «Il voler considerare reti associative di secondo livello solo quelle che “associano direttamente o indirettamente un numero non inferiore a 500 enti taglierebbe fuori moltissime reti di volontariato, pure importanti e significative». Viene criticato l’articolo che 3 che prevede il Consiglio nazionale del Terzo settore «che sembra presupporre ora e per sempre un monopolio della rappresentanza del Volontariato e del Terzo Settore, che contrasta innanzitutto con la libertà associativa sancita dalla Costituzione della Repubblica, ma contrasta anche con la realtà che connota, sia a livello nazionale e ancor più nei territori le diverse forme di rappresentanza del Volontariato». Rilievi vengono fatti anche all’articolo 5 che regola il Fondo unico nazionale «che comporterebbe la perdita del carattere regionale di tali fondi».

«Ci preme sottolineare», concludono i promotori dell’iniziativa, «che ci siamo soffermati sui punti che a noi appaiono più critici dello Schema in circolazione, al fine di fornire esempi di come i problemi non si risolvano solo con l’approvazione di una legge delega, infatti il meccanismo attuativo è estremamente importante».

Tutte il informazioni sono sul sito www.laparolaaivolontari.it.

In allegato è scaricabile il documento integrale.