MSF161354 Siria
Denunce

In Siria 13mila impiccati a Saydnaya

8 Febbraio Feb 2017 1127 08 febbraio 2017
  • ...

Un rapporto di Amnesty International per raccontare lo “sterminio politico di massa” in un carcere nelle vicinanze di Damasco. I prigionieri erano tutti oppositori del presidente siriano Bashar al-Assad

«La prigione di Saydnaya è il posto in cui lo stato siriano massacra silenziosamente il proprio popolo. Ogni settimana, tra le 20 e le 50 persone sono prelevate dalle proprie celle, per essere impiccate durante la notte. Circa 13.000 persone sono state uccise a Saydnaya dal 2011 al 2015, nella massima segretezza. Molte altre persone a Saydnaya sono state uccise dopo essere state ripetutamente torturate e sistematicamente private di cibo, acqua, medicine e assistenza medica. I corpi di coloro che sono stati uccisi a Saydnaya sono portati via in camion e sepolti nelle fosse comuni. È impensabile che tali pratiche sistematiche e su ampia scala non siano state autorizzate dai più alti livelli del governo siriano», è questa la denuncia di Amnesty International.

Il rapporto dell'ong "Macello umano: impiccagioni di massa e stermini nella prigione di Saydnaya” riporta l'esito di interviste a 84 testimoni, tra cui guardie, prigionieri e giudici. «Durante tutto questo processo, i prigionieri vengono bendati.

Non sanno quando e come moriranno fino a quando la corda sarà infilata attorno al loro collo», ha denunciato l'ong. La maggior parte delle vittime è composta da civili, percepiti come oppositori del governo del presidente Bashar al Assad.

«Li lasciano appesi da 10 a 15 minuti», ha testimoniato un ex giudice che ha assistito alle esecuzioni. «Per quanto riguarda i più giovani, quando il loro peso non è sufficiente per farli morire, intervengono gli assistenti del boia che li tirano verso il basso finché non gli si spezza il collo».

Ex prigionieri parlano di un ciclo di pestaggi senza fine durante il viaggio, dopo l’arresto, nel transito tra i centri di detenzione. C’è la “festa di benvenuto” all’arrivo in prigione. In alcuni casi si viene picchiati per una minima infrazione alle regole.

Molte delle persone con cui la ong ha parlato raccontano di essere state maltrattate con tubi di plastica, bastoni di silicone e mazze di legno. Alcuni sono stati ustionati con acqua bollente e bruciati con le sigarette. Altri sono stati forzati a restare in piedi nell’acqua per poi subire scariche elettriche. «È stato come se una parte della mia anima fosse morta … dopo quello, non avevo alcuna gioia, alcuna risata», ha detto uno studente sottoposto a elettrocuzione.

Alcune tecniche usate sono così comuni da avere il loro nomignolo. C’è il “tappeto volante”, in cui la persona è legata ad una tavola pieghevole con la faccia in su. O lo “pneumatico” (dulab), in cui la persona è messa con la forza in uno pneumatico, con la fronte pressata nelle ginocchia o nelle caviglie, e picchiata.

Sia gli uomini che le donne sono violentati e molestati sessualmente. Le donne sono anche minacciate di stupro di fronte ai propri familiari per estorcere delle “confessioni”.

Contenuti correlati